Navigation

Le desaparecidas peruviane della pandemia

Nei primi sei mesi del 2021 sonostate registrate 16 scomparse al giorno Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved.

Nell'ultimo anno e mezzo, caratterizzato dalla pandemia, è aumentato in Perù il numero di donne sparite: nei primi sei mesi del 2021 sono state registrate 16 scomparse al giorno, ossia il doppio rispetto al 2020.

Questo contenuto è stato pubblicato il 22 agosto 2021 - 20:00
tvsvizzera.it/mrj

Molte vengono uccise e il loro cadavere viene ritrovato dopo poco tempo, ma diversi casi portano a pensare che siano state vittime di traffico di esseri umani.

Nel Paese sudamericano i casi di femminicidi e di donne scomparse aumentano anno dopo anno. Patricia Acosta, che non ha più notizie della figlia e delle due nipotine dopo che se ne sono perse le tracce mentre si recavano a una festa di compleanno, racconta: “Non ci sono pene severe per le donne che vengono uccise. Scompaiono nel nulla, molte vengono ritrovate dopo settimane o mesi, i loro cadaveri mutilati e abbandonati. E nessuno fa niente”.

Le indagini della polizia sono approssimative e lacunose e la magistratura fa poco: non ci sono indagini sulle reti di trafficanti di esseri umani.  

Secondo la procuratrice per i delitti contro le donne Eliana Revollar Ananos, “è grave che questi delitti siano aumentati nonostante le frontiere siano rimaste chiuse a causa della pandemia. Siamo molto preoccupati.”


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.