Navigation

Lavorare da Divoora per 35 centesimi al minuto

Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved.

Divoora paga i suoi corrieri 35 centesimi al minuto e i sindacati insorgono: si tratta, secondo loro, di un tentativo di smarcarsi dal salario minimo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 novembre 2021 - 20:32

L'azienda di consegne di cibo a domicilio respinge però le accuse, dichiarando che questo sistema favorisce la flessibilità del lavoratore.

Un salario che viene versato solo nel caso in cui il fattorino effettua delle consegne (non vengono quindi pagati i momenti di attesa tra una consegna e l’altra). Benzina e auto sono inoltre a carico del lavoratore.

Il nuovo contratto è entrato in vigore il 1. novembre e i rider hanno avuto meno di 24 ore per accettarlo. Una pratica illegale, stando all’OCST. "Questo modo di lavorare è veramente subdolo" secondo Diana Camenzind, sindacalista OCST. Poi aggiunge: “Tanti pensano che questi contratti tocchino i lavoratori frontalieri. In realtà si tratta di lavoratori residenti, i disoccupazione, in assistenza e quindi con questo 'giochino' Divoora va a minare delle persone che sono già in enormi difficoltà finanziarie”.

“È da stracciare. Non è un contratto, per me. È una vergogna”, ha dichiarato dal canto suo un impiegato di Divoora.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.