La televisione svizzera per l’Italia

Lanciata iniziativa per garantire la possibilità di pagare in contanti

persona paga con un app
Circa una persona su sei in Svizzera fa praticamente a meno del contante. © Keystone / Christian Beutler

L'elettorato svizzero dovrà forse dire la sua in merito al pagamento in contanti. Il Movimento svizzero per la libertà ha infatti lanciato un'iniziativa popolare per garantire alla cittadinanza questa possibilità.

In Svizzera attualmente non vige nessuna particolare regolamentazione in materia di pagamenti: ogni commercio è libero di decidere se accettare il contante, le carte o entrambi. Capita che in alcuni punti vendita si possa pagare solo con la carta (o con un’app del cellulare). Ma si tratta di casi piuttosto rari.

Dallo scoppio della pandemia di Covid-19, anche in Svizzera, però, l’uso del contante è fortemente diminuito.

Il timore di alcuni è che presto o tardi molti commerci optino esclusivamente per mezzi di pagamento elettronici.

+ Contanti o carta? La Svizzera preferisce lasciare la libera scelta

Il Movimento svizzero per la libertà (MSL) ha così deciso di lanciare un’iniziativa popolare denominata “Chi vuole pagare in contanti deve poterlo fare!”. Il termine di consegna delle 100’000 firme necessarie è il 21 settembre 2024.

Il testo chiede che nei servizi di trasporto pubblico, nel commercio al dettaglio e in altri punti vendita sia garantita “la possibilità di pagare con monete o banconote a un numero sufficiente di casse”. L’iniziativa stipula inoltre che è vietato “rifiutare un/a cliente perché desidera pagare con monete o banconote”.

Il testo domanda inoltre che nelle città venga installato un distributore automatico di banconote ogni due chilometri. Nelle località con almeno 1’000 abitanti dovrebbe essere presente un distributore di banconote, mentre nei comuni più piccoli questo deve essere raggiungibile in 15 minuti in auto o con i mezzi pubblici.

L’MLS, che si è fatto conoscere per l’iniziativa denominata “Stop all’obbligo di vaccinazione”, attualmente al vaglio del Parlamento, aveva già lanciato un’altra iniziativa popolare sul denaro contante. Il testo, per il quale sono state raccolte le 100’000 firme necessarie per sottoporlo al voto, si intitola “Sì a una valuta svizzera indipendente e libera con monete o banconote”. Il progetto vuole fare in modo che in Svizzera il contante sia sempre disponibile in quantità sufficiente e che un’eventuale sostituzione del franco con un’altra moneta sia sottoposta al voto di popolo e Cantoni.

Quasi la metà delle transazioni con le carte

Secondo uno studio dell’Università di San Gallo e della Scuola universitaria professionale di scienze applicate di Zurigo (ZHAW), i contanti sono utilizzati in meno di un terzo dei pagamenti quotidiani (29%) in Svizzera. La parte del leone la fanno le carte di debito e di credito (45% delle transazioni).

L’uso del contante varia sensibilmente in base alle caratteristiche sociali e all’età. Gli under 30 utilizzano il denaro liquido per il 28% dei pagamenti: la quota scende al 24% per le persone di età compresa tra i 30 e i 44 anni, per poi salire al 38% con l’avanzare dell’età fino agli over 60. Infine, circa una persona su sei in Svizzera fa a meno del contante.

Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR