Navigation

La galleria del Ceneri dà ora i suoi frutti

L'entrata nord del tunnel di base del Monte Ceneri a Camorino. © Keystone / Gaetan Bally

Abbattendo i tempi di percorrenza tra Lugano-Bellinzona-Locarno e fornendo collegamenti più frequenti, il tunnel di base doveva conquistare i ticinesi. La pandemia aveva però mandato a monte i piani.

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 dicembre 2022 - 20:07
tvsvizzera.it/MaMi

Doveva rappresentare la rivoluzione del trasporto pubblico regionale in Ticino, ma la pandemia ha rovinato i piani. Tanto che la galleria ferroviaria del Monte Ceneri comincia solo ora a dare i suoi frutti. A due anni dall'entrata in funzione, su quell'asse che collega il nord e il sud del Ticino circolano oggi il 45% di viaggiatori in più.

Cifre da record che non si riscontrano però in altri ambiti. Più lento, infatti, l'aumento del trasporto pubblico su gomma.

Il servizio del Quotidiano di oggi:

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?