La televisione svizzera per l’Italia

L’ex ceo di Credit Suisse alla testa dell’opposizione ivoriana

Tidjane Thiam
Tidjane Thiam, ai tempi della sua esperienza alla testa di CS. © Keystone / Ennio Leanza

Tidjane Thiam, che ha guidato per cinque anni la banca elvetica, sarà il probabile candidato del Partito democratico alle presidenziali del 2025 nel suo Paese.

In Svizzera il banchiere africano era uscito di scena tra le polemiche, per i suoi metodi ritenuti irrituali. Ma la sua carriera è destinata a proseguire nel mondo della politica.

Tidjane Thiam è stato infatti designato presidente del Partito democratico della Costa d’Avorio (PDCI), la principale formazione d’opposizione.

Con l’elezione di Tidjane Thiam, a 61 anni, un’età considerata giovane per ricoprire un’alta carica politica nel Paese, il PDCI ringiovanirà la propria immagine.

La nomina proietta verso le prossime elezioni presidenziali del 2025 l’ex banchiere.

Propositi di rivincita

L’ex leader del PDCI, Henri Konan Bédié, presidente della Costa d’Avorio dal 1993 al 1999, è morto in agosto all’età di 89 anni e non escludeva di candidarsi alle presidenziali del 2025.Il partito, che punta a tornare al potere tra due anni, venerdì sera si è anche offerto di sostenere Thiam in vista di una candidatura per il 2025.“Il 2025 sarà un anno elettorale cruciale per il nostro partito e dobbiamo essere pronti. Dobbiamo prepararci per questa scadenza a partire da domani mattina”, ha dichiarato venerdì sera Thiam tra gli applausi del pubblico.Lo scandalo dei pedinamentiHaig Simonian, giornalista indipendente ed ex corrispondente in Svizzera del “Financial Times”, aveva commentato a questo modo nel 2020, l’uscita di scena da Credit Suisse di Tidjane Thiam.Per Simonian l’addio del CEO di Credit suisse Tidjane Thiam fu il risultato di un “lungo conflitto” tra il numero uno del CdA Rohner appunto e il manager ivoriano.A stupire semmai è che alla fine a dover lasciare fu proprio Thiam, che sembrava avesse l’appoggio di grossi azionisti e non solo. Lo scandalo dei pedinamenti, iniziato con la scoperta della sorveglianza decisa nei confronti dell’ex manager della banca Iqbal Kahn, ha “giocato un ruolo molto importante”.Thiam si è sempre difeso dicendo di non aver mai saputo nulla di questi pedinamenti ma è una versione “a cui pochi hanno creduto”.E poi, aggiunge il giornalista britannico da anni attento osservatore della nostra piazza finanziaria, se è vero che Thiam “ha ottenuto buoni successi nei 5 anni alla guida dell’istituto (la redditività della banca è cresciuta)” c’è da considerare anche “uno stile che non è mai passato molto bene, lontano dalla cultura bancaria elvetica”.

Attualità

due tossici condividono una dose di fentanyl

Altri sviluppi

Il Fentanyl si fa strada in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La città di Coira, capitale del canton Grigioni, è diventata uno dei maggiori centri di consumo di stupefacenti in Svizzera. Tra questi anche una "new entry": il Fentanyl.

Di più Il Fentanyl si fa strada in Svizzera
ape su un fiore

Altri sviluppi

In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato

Questo contenuto è stato pubblicato al A pochi giorni dalla Giornata internazionale delle api, che cade il 20 maggio, l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) ha pubblicato venerdì la nuova Lista rossa delle api, che fa il punto sulle specie minacciate.

Di più In Svizzera il 45% delle api selvatiche è minacciato
edificio in vetro

Altri sviluppi

La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al Riunito venerdì a Bangkok, il Congresso della Federazione internazionale di calcio (FIFA) ha approvato una modifica al suo statuto che crea le basi per consentire eventualmente all'associazione di trasferire la sua sede da Zurigo. La FIFA è nella città sulla Limmat dal 1932.

Di più La FIFA può trasferire la sua sede da Zurigo
due persone attraversano una strada con bandiere arcobaleno

Altri sviluppi

In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+

Questo contenuto è stato pubblicato al L'anno scorso sono stati segnalati 305 casi di ingiurie o attacchi verso persone lesbiche, gay, bisessuali, trans, non binarie, intersessuali e queer. Le violenze verbali e fisiche sono più che raddoppiate nel giro di un solo anno.

Di più In forte crescita le manifestazioni d’odio nei confronti della comunità LGBTIQ+
zofingen

Altri sviluppi

L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

Questo contenuto è stato pubblicato al Nessuna delle sei persone ferite ieri, di cui due in modo grave, è in pericolo di morte. La procura ha intanto aperto un'inchiesta per tentato omicidio multiplo.

Di più L’aggressore di Zofingen è un 43enne con turbe mentali

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR