La televisione svizzera per l’Italia

Incasso record per l’asta di gioielli Horten a Ginevra

Collane e altri gioielli prezio i firmati da Bulgari appartenenti alla collezione Heidi Horten
Collane e altri gioielli prezio i firmati da Bulgari appartenenti alla collezione Heidi Horten. © Keystone / Salvatore Di Nolfi

La collezione di gioielli della miliardaria austriaca Heidi Horten, deceduta l’anno scorso, ha fatto segnare un’asta record da Christie's a Ginevra.

La somma incassata dalla vendita è stata pari a 156 milioni di dollari, superando così la raccolta di preziosi dell’attrice Elizabeth Taylor venduta nel 2011 per oltre 137 milioni di dollari e l’asta “Maharajas & Mughal Magnificence” che aveva totalizzato nel 2019 oltre 109,2 milioni.

Polemiche sull’origine del patrimonio

Il risultato non ha quindi risentito delle polemiche e l’indignazione che hanno accompagnato l’evento, sull’origine controversa dell’enorme ricchezza accumulata dal marito, Helmut Horten, scomparso nel 1987 a Croglio, nel Canton Ticino.

Contenuto esterno

Quella posseduta da Heidi Horten, che era considerata la donna più ricca d’Austria, è una delle più importanti collezioni private di gioielli conosciute, per la rarità delle gemme, per la creatività del design e per la manifattura preziosa dei capolavori di Van Cleef & Arpels, Cartier, Bulgari, Tiffany e Harry Winston.

Secondo una ricerca pubblicata pochi mesi prima dell’asta ginevrina, Helmut Horten sarebbe stato “intensamente coinvolto nell’acquisizione di aziende ebraiche” e avrebbe “tratto profitto dalla situazione dei proprietari ebrei” durante il periodo nazista.

Lo studio condotto da uno storico tedesco, avrebbe anche confermato che Helmut Horten, a suo tempo membro del partito nazista, avrebbe utilizzato in qualità di imprenditore il lavoro forzato degli internati dei campi di concentramento. Heidi sposò Helmut nel 1966.

Christie’s non ha inizialmente incluso queste informazioni nel materiale informativo sulla vendita ma successivamente ha riconosciuto le circostanze controverse di quella ricchezza.

I proventi dati in beneficenza

In ogni caso la casa d’aste ha sottolineato che Helmut Horten non abbia sostenuto attivamente il regime. Inoltre tutto il ricavato della vendita andrà in opere di beneficenza ed è prevista un’ingente donazione in favore della ricerca e dell’educazione sull’olocausto.

La fondazione Helmut Horten che finanzia la ricerca medica, fondata dal miliardario tedesco in Ticino, dove si era trasferito nel 1968, potrebbe essere tra i beneficiari dei proventi della vendita.

Attualità

canton zugo

Altri sviluppi

Canton Zugo, sgravio fiscale dal 2026 grazie a eccedenze record

Questo contenuto è stato pubblicato al Il governo del canton Zugo propone tre misure per far partecipare la popolazione alle eccedenze record dello scorso anno: prima fra tutte la riduzione di 4 punti percentuali del coefficiente d'imposta, il cosiddetto "moltiplicatore cantonale", dal 2026 al 2029.

Di più Canton Zugo, sgravio fiscale dal 2026 grazie a eccedenze record
zelensky

Altri sviluppi

Kiev apre a un dialogo con Mosca

Questo contenuto è stato pubblicato al Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha aperto la porta a una partecipazione della Russia a un prossimo vertice di pace tra i due Paesi.

Di più Kiev apre a un dialogo con Mosca
hollandiahutte

Altri sviluppi

Vallese, due alpinisti morti nella Fischertal

Questo contenuto è stato pubblicato al Ennesima tragedia della montagna: i cadaveri di due alpinisti svizzeri di 35 e 44 anni sono stati rivenuti lunedì tra l’Aletschhorn (4193 metri) e il Dreieckhorn (3811 metri).

Di più Vallese, due alpinisti morti nella Fischertal
presa elettrica

Altri sviluppi

Quasi un quarto dei prodotti elettrici in Svizzera è difettoso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il 23% degli articoli elettrici controllati nel 2023 dall'Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI presentava difetti di maggiore o minore entità.

Di più Quasi un quarto dei prodotti elettrici in Svizzera è difettoso
L'auto è da rottamare.

Altri sviluppi

Intrappolato nell’auto, un bimbo si salva per miracolo nel canton Argovia

Questo contenuto è stato pubblicato al Domenica mattina nel territorio di Urnäsch (canton Argovia), un bimbo di 3 anni è rimasto intrappolato nell'automobile dei genitori finita in una scarpata per una sessantina di metri. A parte qualche taglio, il bambino è rimasto praticamente illeso.

Di più Intrappolato nell’auto, un bimbo si salva per miracolo nel canton Argovia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR