Navigation

In Brasile torna il Carnevale (in versione ridotta)

Si torna a far festa, ma non come prima Keystone / Sebastiao Moreira

È tornato il Carnevale in Brasile: sospeso nel 2021 e anche a febbraio di quest’anno, si è scelto questo fine settimana per organizzare le sfilate delle scuole di samba e diverse feste ad inviti. Nelle principali città, però, i sindaci hanno proibito gli assembramenti dei cortei gratuiti, quelli più frequentati e amati dalla gente. Una decisione che fa discutere e che non tutti hanno accettato.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 aprile 2022 - 21:00
tvsvizzera.it/mrj

“Non possiamo rinunciare, vogliamo festeggiare dopo aver visto tanto dolore a causa del coronavirus, festeggiare perché siamo vivi. La pandemia oggi è controllata, le persone sono vaccinate e molti eventi sono stati autorizzati, perché noi non dovremmo divertirci?”. Queste le parole, ai microfoni della RSI, di una manifestante del corteo “Blocco femminista”

Contenuto esterno

A San Paolo il Comune, in evidente difficoltà, ha proposto una nuova data, un fine settimana a metà luglio, creando una situazione più unica che rara: tre carnevali in un solo anno.

Insomma, l’immagine che traspare oggi è quella di un evento discriminatorio, dove si fa distinzione tra ricchi e poveri o tra chi sceglie di pagare per un prodotto esclusivo e chi invece crede che la festa deve essere libera, irriverente e soprattutto gratuita.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?