La televisione svizzera per l’Italia

Il Gran Consiglio ticinese non è mai stato così variegato

grafico
Il PLR rimane in testa, ma perde seggi, come anche la Lega dei Ticinesi. Keystone / Lena

Dopo i risultati del Consiglio di Stato ticinese (che dopo le elezioni di domenica è rimasto praticamente immutato), lunedì lo spoglio delle schede ha rivelato la composizione del Gran Consiglio (legislativo).

A spogli conclusi, scrive il portale online della RSI, “la Lega dei ticinesi (destra populista, ndr) si lecca le ferite, festeggia l’Unione democratica di centro (UDC, destra conservatrice, ndr), calo di consensi per PLR (liberal-radicali, ndr), PS (socialisti, ndr), Verdi e MPS (Movimento per il socialismo, ndr), entrano deputati di Avanti con Ticino & Lavoro, Verdi liberali e HelvEthica Ticino che si affiancano a quelli di Più Donne e comunisti”.

Un Gran Consiglio,a  conti fatti, estremamente frammentato, con i liberal-radicali in prima posizione, seguiti da Centro e Lega dei Ticinesi. I partiti rappresentati sono 12, un numero senza precedenti.

I partiti di Governo (Lega, PLR, PPD e PS) non sono riusciti a invertire la tendenza al calo dei voti per il legislativo: è così che liberal-radicali, leghisti e socialisti hanno perso consensi e seggi (il PLR ne ha persi due (ora ne ha 21), la Lega quattro (ora ne ha 14). Il calo registrato dal Centro è stato, invece, minimo e il partito ha mantenuto il suo numero di seggi (16).

La maggioranza rimane maschile: su 549 uomini in lista, ne sono stati eletti 61 (l’11,1%). Le donne scelte da elettrici ed elettori tra le 367 che si sono presentate sono 29 (7,9%).

Qui potete consultare il dossier che la RSI ha dedicato a queste elezioni cantonaliCollegamento esterno: fatti, numeri, nomi e novità che emergeranno anche nei prossimi giorni.

Contenuto esterno
Contenuto esterno


Attualità

Manifestazioni contro Netanyahu.

Altri sviluppi

Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas

Questo contenuto è stato pubblicato al Mandati di arresto nei confronti del premier israeliano Benjamin Netanyahu e il suo ministro della Difesa Yoav Gallant come anche del leader di Hamas Yahya Sinwar per "crimini di guerra e crimini contro l'umanità".

Di più Mandato d’arresto contro i leader israeliani e di Hamas
La locomotiva Re 4/4 II

Altri sviluppi

Un’icona svizzera viaggia verso la pensione

Questo contenuto è stato pubblicato al Le locomotive RE 4/4 II dopo oltre 60 anni di apprezzata carriera nei prossimi anni verranno dismesse dalle Ferrovie federali svizzere.

Di più Un’icona svizzera viaggia verso la pensione
I soccorritori sul luogo dell'incidente dell'elicottero in cui viaggiava il presidente Raisi.

Altri sviluppi

Teheran conferma la morte del presidente Raisi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il leader iraniano è morto nell'elicottero caduto in una regione montuosa nei pressi del confine con l'Azerbaigian.

Di più Teheran conferma la morte del presidente Raisi
Panoramica del teatro romano di Augusta Raurica, vicino a Basilea.

Altri sviluppi

La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica

Questo contenuto è stato pubblicato al Nella Giornata internazionale dei musei, rievocazioni e laboratori per imparare a fare il pane o a decorare calici come si faceva duemila anni fa.

Di più La vita quotidiana dei romani ad Augusta Raurica
Elisabeth Baume-Schneider e Carine Bachmann

Altri sviluppi

“Il cinema svizzero può fiorire”

Questo contenuto è stato pubblicato al La consigliera federale Elizabeth Baume-Schneider, presente al Festival di Cannes, si dice fiduciosa per il futuro del cinema rossocrociato.

Di più “Il cinema svizzero può fiorire”

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR