Navigation

Il Governo vuole facilitare la procedura per abbattere i lupi

Sono circa 180 gli esemplari che vivono in Svizzera. Keystone / Arno Balzarini

Lo ha proposto oggi il Consiglio federale inviando in consultazione un'ordinanza, che dovrebbe restare vigente fino all'entrata in vigore della prossima revisione della legge sulla caccia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 novembre 2022 - 11:18
tvsvizzera.it/MaMi

Il numero crescente di lupi pone grandi sfide soprattutto alle regioni di montagna, scrive oggi in un comunicato il Consiglio federale riunito nella consueta seduta settimanale.

La revisione parziale dell'ordinanza sulla caccia tiene conto delle richieste inoltrate da diverse organizzazioni, basate su soluzioni elaborate congiuntamente, e intende agevolare ulteriormente l'abbattimento di lupi. "L'intento è di allentare la situazione nelle regioni interessate fino all'entrata in vigore della prossima revisione della legge sulla caccia", si legge ancora nella nota. Il Consiglio federale ha quindi avviato oggi la consultazione sulla revisione parziale dell’ordinanza sulla caccia, che si concluderà il 23 febbraio 2023.

In Svizzera 180 lupi e 20 branchi

Attualmente nel nostro Paese vivono almeno 180 lupi e 20 branchi, i cui effettivi sono in continua crescita. Tenuto conto delle sfide che questa situazione comporta per l’economia alpestre, il Consiglio federale intende agevolare l'abbattimento dei lupi allentando ulteriormente le disposizioni già adattate nel 2021. "A questo riguardo, il Governo tiene conto delle proposte formulate congiuntamente da 14 organizzazioni che operano nel campo della protezione e della gestione".

A dipendenza di come si svolgerà la consultazione, l'entrata in vigore delle modifiche è prevista per l'inizio della stagione estiva 2023.

Inoltre, il Parlamento sta attualmente discutendo un nuovo progetto di modifica della legge federale sulla cacciaLink esterno, volto a consentire una regolazione proattiva degli effettivi di lupi. La proposta di revisione della legge sulla caccia elaborata dal Consiglio federale e dal Parlamento era stata respinta in votazione popolare nel settembre 2020.

Punti centrali della revisione

Agevolati gli abbattimenti di singoli lupi che provocano danni: la revisione intende ora rendere esplicitamente possibile l'abbattimento di singoli lupi (individui non appartenenti a un branco) anche all'interno del territorio di un branco. Le esperienze degli ultimi anni hanno mostrato che singoli individui possono addentrarsi anche nel territorio di un branco e causarvi danni.

Nei territori frequentati dai lupi e nei quali sono già stati registrati danni in passato, si vuole ora ridurre la soglia di danno determinante per abbattere singoli lupi da 10 a 8 predazioni di capi di bestiame da reddito. Inoltre sarà possibile anche l'abbattimento di singoli lupi quando sussiste un notevole pericolo per le persone.

Abbattimento immediato di un lupo in caso di notevole pericolo per le persone: la revisione consentirà di introdurre la possibilità dell'abbattimento immediato di un individuo di un branco che costituisce una minaccia improvvisa e imprevista per la vita umana. L'abbattimento sarà possibile senza l'approvazione dell'Ufficio federale dell’ambiente (UFAM).

Regolazione di branchi senza riproduzione: i Cantoni possono già ora regolare i branchi di lupi previa approvazione della Confederazione quando i lupi causano danni rilevanti o costituiscono un pericolo notevole per le persone. Questa disposizione non riguarda tuttavia i branchi che nell'anno in questione non si sono riprodotti. La revisione parziale dell'ordinanza sulla caccia prevede ora anche la regolazione mediante l'abbattimento di un giovane lupo nato l'anno precedente. Ciò presuppone anche in questo caso un danno rilevante o un pericolo notevole per le persone come pure la presenza di una popolazione regionale di lupi consolidata.

Computo del danno tenendo conto dei bovini o equini feriti: La revisione dovrà consentire di computare quale danno rilevante non soltanto l'uccisione di bovini, equini o camelidi del nuovo mondo (ad es. lama o alpaka) ma anche il loro ferimento grave. Questa nuova disposizione si applicherà sia agli interventi di regolazione dei branchi sia alle misure adottate contro singoli lupi.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?