Navigation

Trasporti del futuro, giunge terzo il progetto svizzero

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 23 luglio 2018 - 20:57
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 23.7.2018)

In futuro si viaggerà in capsule lanciate ad alta velocità in tubi a bassa pressione. Si tratta della tecnologia, in fase di sperimentazione negli USA, che ha affascinato Elon Musk, il vulcanico patron della Tesla.

Al concorso internazionale promosso dal manager sudafricano, che ha premiato a Los Angeles il progetto di capsula con migliori prestazioni, hanno partecipato anche ricercatori del Politecnico di Losanna, che negli scorsi mesi si erano guadagnati la finale (19 squadre su circa 600 partecipanti). In California però il team svizzero è giunto solo terzo.

È stata comunque una soddisfazione per i rappresentanti vodesi, quella di essere stati selezionati tra le tre capsule che sono state lanciate all'interno del tubo lungo oltre un chilometro nella sede del gruppo spaziale SpaceX, anch'esso di proprietà di Musk, a Hawthorne.

Problemi di comunicazione hanno impedito al veicolo losannese EPFLoop di superare gli 85 km/h.

Al primo posto sono giunti i tecnici dell'università di Monaco che hanno lanciato il loro apparecchio a 466 km/h. Gli scienziati sperano di raggiungere un giorno velocità di 1'200 km/h, e coprire così la distanza tra Los Angeles e San Francisco in mezz'ora.  

 

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.