La televisione svizzera per l’Italia

“Gli amici della Costituzione” verso lo scioglimento

busto di persona con gilet catarifrangente e volantini in mano
Dall'inizio della pandemia hanno lanciato quattro referendum. Keystone / Michael Buholzer

“Gli amici della Costituzione”, l’associazione che durante la pandemia era diventata il riferimento per chi contestava le restrizioni imposte dal Consiglio federale, sembra destinata a scomparire.

Ha rappresentato un punto di riferimento per chi contestava le misure adottate dalla Confederazione durante i mesi più difficili della pandemia: l’associazione “Gli amici della Costituzione” rischia ora di sciogliersi dopo appena due anni di vita e le dimissioni annunciate di cinque membri del proprio comitato direttivo, tra i quali anche la copresidente Prisca Guanter. Dall’inizio della pandemia ha attirato 25’000 membri, ha organizzato decine di manifestazioni e ha lanciato tre referendum contro le misure anticovid e uno contro la Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo.

Guanter ha fatto sapere che la decisione di lasciare l’associazione è dovuta ad alcune divergenze inconciliabili con l’altro copresidente Roland Bühlmann, “non tanto sulle opinioni, ma su come gestire le differenze di opinioni”. Questo però non vuol dire che non sia stata un’epserienza utile: “Noi non svaniamo nel nulla, ora che abbiamo acquisito una certa esperienza, penso che ci siano molte altre organizzazioni di cittadini che funzionano bene”.

Contenuto esterno

Un epilogo, secondo il politologo dell’Università di Ginevra Pascal Sciarini, prevedibile: “Questi movimenti hanno la caratteristica di nascere spontaneamente a volte in modo molto forte, ma sono molto instabili, soprattutto quando sono formati da una specie di nebulosa di opinioni, un gruppo molto eterogeneo di persone, dove il solo denominatore comune è la difesa di una causa, ma che sono molto diverse le une dalle altre da un punto di vista ideologico. E questo aumenta notevolmente il rischio di conflitti all’interno del gruppo. È probabilmente quello che è successo: il comitato è imploso, e la sola soluzione è quella di sciogliere l’associazione”.

Uno scioglimento ufficiale, comunque, ancora non c’è stato: “Gli Amici della Costituzione” dovranno ora indire un’assemblea straordinaria per capire se nominare nuovi membri nel comitato o sciogliere l’organizzazione e conferire ad altre associazioni le proprie risorse finanziarie.

Attualità

Gruppo di lavoratori in un atelier professionale.

Altri sviluppi

Triplicate le persone disabili inserite in programmi di reinserimento professionale

Questo contenuto è stato pubblicato al Le riforme cui è stata sottoposta l'Assicurazione invalidità negli ultimi 15 anni hanno consentito a un numero crescente di persone di beneficiare dei provvedimenti d'integrazione e di reinserirsi nel mondo del lavoro.

Di più Triplicate le persone disabili inserite in programmi di reinserimento professionale
Un plastico del futuro stadio del Milan.

Altri sviluppi

Il Milan e il nuovo stadio, i cittadini e i cistercensi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il possibile nuovo stadio del Milan fa discutere molto nella metropoli lombarda, anche perché dovrebbe sorgere a poche centinaia di metri da un’abbazia, dove i monaci vivono tutt’ora.

Di più Il Milan e il nuovo stadio, i cittadini e i cistercensi
Il complesso immobiliare in corso di realizzazione a Leutschenbach (Zurigo).

Altri sviluppi

Il miraggio dell’alloggio in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La ricerca di un appartamento, a prezzi accessibili, è diventata un'impresa titanica, Emblematico il caso di Zurigo.

Di più Il miraggio dell’alloggio in Svizzera
Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo
Manifestanti a Parigi.

Altri sviluppi

La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.

Questo contenuto è stato pubblicato al Sabato diverse migliaia di persone hanno manifestato in Francia per invocare una rivolta "repubblicana" contro l'estrema destra, che potrebbe salire al potere nelle elezioni parlamentari anticipate del 30 giugno e del 7 luglio.

Di più La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR