Navigation

Expo, il Ticino è rock

Giornata cantonale dedicata alla montagna tra chitarre di pietra, candidati Parchi nazionali e Sacri Monti

Questo contenuto è stato pubblicato il 12 luglio 2015 - 20:37

Nella sesta giornata ticinese al Padiglione svizzero di Expo, i candidati parchi nazionali del Locarnese e Adula si stanno presentando ai visitatori con una proiezione-degustazione dei prodotti locali: ‘Ticino Experience – Il film che si mangia'.

Sul palcoscenico, il musicista svizzero Vic Vergeat si è esibito con la chitarra di pietra [per sentire come suona, cfr. video sotto]. È realizzata con granito di Peccia, villaggio la cui Fondazione internazionale di scultura ha illustrato ai visitatori di Expo un progetto di centro artistico e culturale in alta Vallemaggia.

Protagonisti anche i Sacri Monti della Madonna del Sasso di Orselina e dell'Addolorata di Brissago, candidati a entrare nel Patrimonio dell'umanità UNESCO. Lo storico Lorenzo Planzi, stamane, ha spiegato i motivi che possono giustificarne la nomina.

In programma, dalle 17, una discussione con documentario sull'esperienza in Ticino di Hermann Hesse. Proprio allo scrittore premio Nobel è dedicata una suite musicale che il jazzista Marco Santilli (con il suo Che Roba Quartet) porterà sul palco dopo le 20.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.