Navigation

Ex comandante degli indipendentisti kosovari a processo

Salih Mustafa è alla sbarra da mercoledì davanti al Tribunale speciale per il Kosovo all'Aia. L'ex capo dell'Esercito di liberazione del Kosovo (UCK) è il primo ad essere processato da questa Corte, creata nel 2015.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 settembre 2021 - 13:11
Keystone-ATS/mar
Contenuto esterno

Arrestato l'anno scorso mentre lavorava come consulente del ministero della difesa, Mustafa è accusato di aver torturato almeno sei civili in un centro di detenzione nell'aprile 1999 a Zllash, in Kosovo.

La guerra in Kosovo, durante la quale si stima siano morte almeno 13'000 persone, si è conclusa nel 1999 con una campagna di bombardamenti della Nato, che ha costretto le forze serbe a ritirarsi.

Il Tribunale speciale per il Kosovo è stato istituito nel 2015 per indagare sui crimini di guerra commessi nella regione tra il 1999 e il 2000 dall'UCK contro serbi, rom e oppositori della guerriglia kosovara. La Corte è stata creata proprio dal Parlamento kosovaro e tecnicamente non è un tribunale internazionale, ma fa parte della magistratura del Paese, seppur con giudici internazionali e una sede all'estero.

Salih Mustafa è il primo ad essere processato da questo tribunale, che ha anche incriminato l'ex presidente del Kosovo (2016-2020) Hashim Thaçi. Altri ex leader dell'UCK sono stati perseguiti in passato davanti al Tribunale penale internazionale per l'ex Jugoslavia (ICTY), compreso l'ex primo ministro Ramush Haradinaj, che è stato assolto nel 2012 insieme ad altri due leader della guerriglia.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.