Navigation

Disagio giovanile in crescita

La pandemia ha esacerbato l'isolamento dei giovani Keystone / Luis Torres

La pandemia, il lockdown e il conseguente isolamento sono elementi che hanno contribuito ad esacerbare il fenomeno del disagio giovanile.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 ottobre 2021 - 20:08
tvsvizzera.it/mrj

Un fenomeno che negli ultimi due anni è stato in costante crescita in tutta la Svizzera e che ha portato alla creazione, nel 2019, di Zeta Movement, un’associazione presente in tutto il Paese e che da mercoledì sarà presenze anche nella Svizzera italiana, dove si presenterà ufficialmente con un evento online.

Lo scopo di Zeta Movement è quello di aiutare i giovani con un disagio psichico a uscire allo scoperto. Questo anche grazie all’aiuto di diversi esperti: psichiatri, psicologi e organizzazioni nazionali e regionali che si occupano di salute mentale.

Contenuto esterno

“Ci siamo accorti che parlare di salute mentale è ancora un tabù”, spiega Emma Broggini, co-fondatrice di Zeta Movement. “Volevamo creare degli spazi di conversazione e dialogo sicuri”.

“Quello che è importante è destigmatizzare il tema”, spiega Sandra Dos Reis, ambasciatrice di Zeta Movement.

Durante la pandemia il disagio giovanile si è aggravato: la situazione oggi è allarmante: “Nel 2020 c’è stato un raddoppio dei ricoveri di ragazzi che hanno fatto un tentativo di suicidio”, spiega Michele Mattia, psichiatra e psicoterapeuta.

Non solo in Svizzera...

Uno studio dell'Unicef condotto in 21 Paesi del mondo ha dimostrato che durante la pandemia a oltre il 13% di chi ha tra i 10 e i 19 anni è stato diagnosticato un disordine mentale o del comportamento, mentre nella fascia 15-24 anni il 19% si è detto depresso.

Disturbi che hanno conseguenze anche gravi, come spiega la responsabile del rapporto Zeinab Hijazi: "Il problema è grave. Ogni anno oltre 47'000 adolescenti si tolgono la vita: uno ogni 11 minuti. È sconcertante. L'appello a investire nella salute mentale, a renderla una priorità, è perché questi investimenti salvano delle vite".

Contenuto esterno

Un fenomeno rilevato anche all'Ospedale San Paolo di Milano, dove c'è l'unico reparto del capoluogo lombardo per il ricovero di giovani pazienti neuropsichiatrici. Chi è in prima linea ha visto da vicino l'ascesa agli inferi di una generazione sempre più sofferente e abbandonata: "Ogni notte vedo uno o due adolescenti gravi - ideazioni suicidarie o tentati suicidi" racconta la pediatra Francesca Farina, aggiungendo che "l'emergenza è tale che anche noi pediatri ci siamo trovati improvvisamente catapultati in questa situazione. Siamo passati dal curare le otiti al dover sapere cosa dire a questi ragazzini che ti dicono: 'Se tu stasera mi mandi a casa, io la faccio finita'". 

Contenuto esterno


I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.