La televisione svizzera per l’Italia

Crescono gli investimenti per la ricerca e lo sviluppo in Svizzera

persone dietro a una pianta
Dipendenti di Syngenta effettuano ricerche sul mais a Stein, nel Canton Argovia, nel novembre 2021. © Keystone / Gaetan Bally

Nel 2021, le aziende elvetiche hanno speso 16,8 miliardi di franchi in ricerca e sviluppo, il 4% in più rispetto al 2019, prima dello scoppio della pandemia.

Secondo la rilevazione realizzata dall’Ufficio federale di statistica (UST) in collaborazione con economiesuisse, questo sviluppo è in linea con la tendenza al rialzo che si osserva da diversi anni in Svizzera. Ma considerando le particolari condizioni economiche del 2020 e del 2021 dovute alla pandemia di Covid-19, l’aumento delle risorse investite dalle imprese nella ricerca aziendale “è da considerarsi davvero cospicuo” – sottolinea un comunicato odierno dell’UST.

Contenuto esterno

Si tratta per altro di un’attività che dà lavoro a poco meno di 62’000 persone (54’000 impieghi in equivalenti a tempo pieno), un quarto delle quali donne. È una quota che ristagna da una decina di anni, ma nel frattempo il ruolo delle donne è cambiato; nel 2012 solo un terzo di loro erano ricercatrici, nel 2021 lo era il 54%.

Tuttavia, la spesa per la ricerca non è aumentata in tutti i settori, precisa l’UST. Solo i rami “Farmacia”, “Ricerca e sviluppo” e quelli del settore delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione hanno registrato un aumento degli investimenti tra il 2019 e il 2021. Questi rami sembrano aver subito meno le fluttuazioni congiunturali dovute alla pandemia da SARS-CoV-2 rispetto agli altri rami economici. Gli investimenti sono diminuiti, ad esempio, nel settore alimentare e in quello dei macchinari.

Forte calo nella ricerca fondamentale

Mentre dal 2015 la ricerca fondamentale rappresentava circa il 25% delle varie attività di ricerca effettuate dalle imprese, la sua quota relativa è scesa all’8% nel 2021, a livelli simili a quelli osservati nel 2012. La ragione di questo drastico crollo – spiega l’UST – è dovuta essenzialmente al cambiamento del tipo di ricerca nelle imprese farmaceutiche, responsabili da sole di oltre un terzo (6,2 miliardi di franchi) degli investimenti totali.

Sebbene nel ciclo di vita delle attività di ricerca sia normale che la ricerca fondamentale passi al livello della ricerca applicata, la portata di questa variazione è sorprendente visto che è avvenuta in un periodo così breve, nota l’UST.

Dal 2012 le spese per le biotecnologie non hanno mai smesso di aumentare. Nel 2021 le imprese vi hanno destinato 5,9 miliardi di franchi, una quota aumentata del 10% su base annua. Al contrario, nello stesso periodo le somme investite nelle nanotecnologie hanno ristagnato e sono rimaste marginali: nel 2021 solo 172 milioni di franchi.

Tra i Paesi che investono di più

Rispetto al prodotto interno lordo, la Svizzera è uno dei Paesi al mondo che investe di più nella ricerca e sviluppo, come si può vedere da questo grafico.

Stando ai dati dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, nella Confederazione la proporzione è di oltre il 3,1%, a fronte di una media del 2,6% tra i 38 Paesi che fanno parte dell’OCSE (linea in nero) e del 2,2% tra i 27 membri dell’UE.


Attualità

Medico e paziente

Altri sviluppi

Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario

Questo contenuto è stato pubblicato al Considerate ormai obsolete, le tariffe per le cure ambulatoriali in vigore dal 2004 (TARMED) saranno sostituite nel 2026 dalla nuova struttura tariffale per singola prestazione TARDOC e da una struttura tariffale con importi forfettari.

Di più Un nuovo sistema tariffale in ambito sanitario
Rösti nel corso della conferenza stampa del Governo.

Altri sviluppi

“Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”

Questo contenuto è stato pubblicato al Come compromesso all'iniziativa popolare che chiede un abbassamento della quota da destinare al servizio pubblico radiotelevisivo svizzero, il Consiglio federale propone di scendere a 300 franchi.

Di più “Il canone va ridotto ma non a 200 franchi”
Combattenti di Hezbollah.

Altri sviluppi

Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano

Questo contenuto è stato pubblicato al Cresce il timore di uno scontro totale imminente tra Israele e gli Hezbollah libanesi, con conseguenze difficili da prevedere.

Di più Israele potrebbe allargare il conflitto al Libano
L'entrata di una filiale della banca UBS in Ticino.

Altri sviluppi

L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza

Questo contenuto è stato pubblicato al La concorrenza in ambito bancario in Svizzera non è stata minacciata dall'acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS. È quanto comunica l'Autorità di vigilanza sui mercati finanziari al termine della sua procedura di controllo.

Di più L’acquisizione di Credit Suisse da parte di UBS non indebolisce la concorrenza
Parco solare di St. Imier.

Altri sviluppi

Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi

Questo contenuto è stato pubblicato al Nel campo della transazione energetica, la Svizzera si piazza al quarto rango mondiale. Meglio della Confederazione lo fanno solo tre Paesi nordici, Svezia, Danimarca e Finlandia.

Di più Transizione energetica, la Svizzera tra i Paesi più virtuosi
Il procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler

Altri sviluppi

Maggior peso al controspionaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al È il pensiero del procuratore generale della Confederazione. La minaccia per la Svizzera derivante dallo spionaggio straniero, in particolare russo e cinese, resta elevata.

Di più Maggior peso al controspionaggio
Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR