La televisione svizzera per l’Italia

Credit Suisse, i media criticano le furberie dei partiti

Giornali svizzeri assai critici con i partiti.
Giornali svizzeri assai critici con i partiti. © Keystone / Gaetan Bally

I media svizzeri non sono teneri con la bocciatura definitiva, da parte della Camera bassa, delle garanzie concesse dal Governo federale in merito all’operazione di salvataggio del Credit Suisse, attraverso l’acquisizione della banca da parte di UBS.

I commenti sono unanimi nel criticare il rifiuto parlamentare, a pochi mesi dalle elezioni federali, definito come la soluzione più facile che non aiuta però a risolvere i problemi emersi nella piazza finanziaria elvetica. In sostanza per i giornali l’agire del Consiglio Nazionale è frutto di ipocrisia e speculazione elettorale da parte di alcuni partiti.

Uno schiaffo al Governo

Per la Regione Ticino, che ha parlato di schiaffo simbolico al governo e in particolare alla ministra delle finanze Karin Keller-Sutter, la sessione straordinaria delle Camere federali termina con un “magro bottino”.

I tre partiti che si sono opposti al piano del Consiglio federale (Unione democratica di centro, Partito socialista e Verdi), scrive Stefano Guerra, si sono sentiti autorizzati a dire qualsiasi cosa e non si sono fatti pregare sbandierando presunte condizioni, senza che alla fine ne sia però rimasta traccia.

+ Bocciate di nuovo le garanzie della Confederazione

L’editoriale del Corriere del Ticino di Giovanni Galli sottolinea invece come la bocciatura sia un segnale di sfiducia non solo nei confronti del Consiglio federale e delle autorità, ma anche della nuova UBS. Un “sì” avrebbe rafforzato la credibilità dell’intervento deciso d’urgenza, mentre il “no” risponde anche a “logiche elettorali a buon mercato”, sostiene il foglio luganese.

“Uno spettacolo penoso”

Sul quotidiano romando La Liberté Philippe Castella deplora lo “spettacolo penoso” in cui democentristi, socialisti e Verdi “si sono accontentati di lanciare pietre contro il camion dei pompieri, dopo aver atteso saggiamente nel loro angolo che l’incendio fosse ben spento”.

L’accusa ai due maggiori partiti (UDC e PS), che hanno due rappresentanti ciascuno in Governo, è di fare il doppio gioco. “Questi partiti possono anche nascondersi nella legittima indignazione per le lezioni non apprese dalla crisi finanziaria del 2008, – scrive Philippe Castella – ma la verità è molto più banale”: a sei mesi dalle elezioni federali “l’UDC voleva giocare ancora una volta da sola contro tutti” e la sinistra “non ha voluto lasciarla sola a raccogliere i frutti elettorali del malcontento popolare”.

+ Credit Suisse, fine di un’era

Da parte sua Le Temps chiede una sorveglianza e una regolamentazione più severa sui bonus dei dirigenti ma dubita che il Parlamento abbia il “coraggio politico” necessario, alla luce di quanto appena avvenuto a Berna, per opporsi “alla potente lobby bancaria”.

Chiesta una commissione d’inchiesta

Oltre a nuove misure a tutela del settore i media elvetici invocano una commissione parlamentare d’inchiesta (CPI) per indagare su quanto è avvenuto. Ma La Tribune de Genève e 24 Heures registrano le resistenze che ci sono già in Parlamento.

“Mentre la decisione avrebbe potuto essere presa durante questa sessione straordinaria – scrivono i due quotidiani del gruppo editoriale Tamedia – il Consiglio degli Stati ha preferito rimandarla all’inizio dell’estate”. La sensazione, paventano le due testate, è che il Parlamento voglia sottrarsi alle sue responsabilità.

Giudizi severi si possono leggere anche sulla stampa d’oltre Gottardo. Se L’Aargauer Zeitung si concentra sul Consiglio nazionale che a suo parere “ha fallito”, la Neue Zürcher Zeitung denuncia l’”ipocrisia” dei partiti.

Per il Blick sinistra e UDC, “invece di mostrarsi pronti a fare compromessi”, sono andati “a pescare elettori”, con il risultato che “non è stata trovata alcuna soluzione” per evitare in futuro che una grande banca in fallimento trascini con sé l’intera economia svizzera.

Attualità

Manifestanti eritrei sulla Piazza federale.

Altri sviluppi

Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le e i partecipanti hanno contestato a Berna i ventilati respingimenti verso Stati terzi e l'obbligo del passaporto per l'ottenimento del permesso di soggiorno.

Di più Gli eritrei manifestano per i loro diritti in Svizzera
Due pompieri osservano la portata del Rodano nei pressi di Sierre.

Altri sviluppi

Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Nonostante il lieve calo delle acque del Rodano e dei suoi affluenti, il livello di allarme e lo stato d'emergenza non vengono revocati.

Di più Maltempo, situazione in lento miglioramento in Vallese
Bimbi attorno a un cratere formato dalle bombe israeliane.

Altri sviluppi

Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza

Questo contenuto è stato pubblicato al L'esercito israeliano è tornato a bombardare pesantemente Gaza la scorsa notte: i morti sono almeno 22 e i feriti 45.

Di più Bombe vicino alla Croce Rossa a Gaza
Due veicoli della polizia in centro a Zurigo.

Altri sviluppi

‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al L'Antimafia di Catanzaro chiede assistenza giudiziaria a Berna nell'ambito di un'indagine sulla cosca Maiolo, perquisizioni a Zurigo, Berna e Turgovia.

Di più ‘ndrangheta, indagate tre persone residenti in Svizzera
Interventi nei pressi della centrale idroelettrica a Vissoie nella val d'Anniviers (Vallese).

Altri sviluppi

Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese

Questo contenuto è stato pubblicato al Il cantone bilingue è la zona più colpita da frane e inondazioni dovute alle intense precipitazioni di questi giorni. Zermatt isolata a causa degli smottamenti e dell'esondazione della Vispa. Preoccupano i corsi d'acqua delle valli laterali.

Di più Maltempo, sfollate 230 persone in Vallese
Donna in carrozzina.

Altri sviluppi

L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili

Questo contenuto è stato pubblicato al I recenti interventi di adeguamento negli scali ferroviari e alle fermate periferiche hanno migliorato l'agibilità degli stessi ma non sono stati rispettati gli obiettivi legali.

Di più L’80% delle stazioni accessibili alle persone disabili
I legali della potente famiglia Hinduja, Nicolas Jeandin (sinistra) e Robert Assael, che hanno preannunciato ricorso.

Altri sviluppi

La potente famiglia Hinduja condannata per usura

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Tribunale di Ginevra infligge pesanti pene detentive a quattro componenti della ricchissima famiglia indiana per aver sfruttato i domestici, pagati tra i 200 e i 400 franchi al mese.

Di più La potente famiglia Hinduja condannata per usura
Rishi Sunak

Altri sviluppi

Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse

Questo contenuto è stato pubblicato al A due settimane dalle elezioni, il partito del premier Rishi Sunak non solo è dato ai minimi storici, ma è anche scombussolato dalle dimissioni di direttore della campagna elettorale Tony Lee, coinvolto nello scandalo delle scommesse fatte sulla data del voto.

Di più Sul Partito conservatore britannico si abbatte lo scandalo scommesse
Zermatt

Altri sviluppi

Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo

Questo contenuto è stato pubblicato al Da venerdì mattina, la località turistica ai piedi del Cervino è inaccessibile. A causa del rischio di esondazione del torrente Vispa, nessun treno circola tra Visp e Zermatt, che non è raggiungibile neppure via strada a causa di smottamenti nella località.

Di più Rischio esondazioni, Zermatt tagliata fuori dal mondo
donald sutherland

Altri sviluppi

Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

Questo contenuto è stato pubblicato al L'attore canadese è morto giovedì all'età di 88 anni. Dopo gli esordi teatrali e parti minori, Sutherland conobbe il successo alla fine degli anni '60, con La sporca dozzina e Mash.

Di più Il cinema in lutto per la scomparsa di Donald Sutherland

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR