Navigation

Cosa toglie il sonno a svizzere e svizzeri? La guerra e il clima più della disoccupazione

Clima e risorse energetiche sono in cima ai timori. Keystone/gaetan Bally

I cambiamenti climatici e la previdenza per la vecchiaia sono in testa alle preoccupazioni della popolazione elvetica. Seguono le questioni energetiche e le relazioni internazionali, mentre il Covid è passato in secondo piano.

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 novembre 2022 - 13:39
tvsvizzera.it/MaMi con Keystone-ATS

Stando al Barometro delle preoccupazioni 2022Link esterno realizzato annualmente per conto dell'istituto bancario Credit Suisse,  l'invasione russa dell'Ucraina iniziata nel febbraio di quest'anno ha lasciato il segno anche in Svizzera: il grande ottimismo per il futuro, che prima era forte, è diminuito in modo significativo.

Giunto alla 46esima edizione, il Barometro delle preoccupazioni 2022 è stato realizzato dall'istituto demoscopico gfs.bern, che ha intervistato fra luglio e agosto 1'774 persone con diritto di voto di tutte le regioni del Paese. Il margine d'errore è di 2,3 punti percentuali.

La questione ambientale (protezione dell'ambiente, cambiamenti climatici e disastri ambientali) è indicata dal 39% degli intervistati come preoccupazione principale. La pandemia di Covid-19 - primo cruccio per il 51% degli svizzeri nel 2020 e per il 40% nel 2021 - è diventata un timore ricorrente solo per il 13% degli intervistati ed è scomparso dalle prime cinque preoccupazioni. Il tema dell'AVS e della previdenza per la vecchiaia è invece salito al secondo posto con il 37%.

Crescente l'insicurezza per il futuro

L'elettorato svizzero è oggi molto meno ottimista sul futuro economico rispetto a qualche anno fa. Secondo il sondaggio, ciò non è dovuto principalmente alla paura di perdere il lavoro. Al contrario: per la prima volta dal 1988, la disoccupazione è uscita dalla classifica delle 10 maggiori preoccupazioni.

Si tratta piuttosto dell'incertezza se e come si possa garantire l'approvvigionamento del Paese e il mantenimento del tenore di vita abituale di fronte alle numerose situazioni di crisi attuali.

La valutazione della situazione economica individuale non mostra ancora scostamenti rispetto agli anni precedenti: il 65% degli intervistati la considera buona o molto buona e solo il 6% negativa o molto negativa.

Lo sguardo ai prossimi dodici mesi mostra tuttavia un quadro chiaramente diverso, con il 19% (più 9 punti percentuali) degli intervistati che teme un peggioramento della propria situazione personale: si tratta del valore più alto mai raggiunto nei 27 anni in cui questa domanda è stata posta

Identità della Svizzera

Sempre più spesso la dipendenza dall'economia globale (71%), l'Unione Europea e i suoi problemi (67%) e l'immigrazione (60%) sono percepiti come una minaccia per l'identità della Svizzera. Il fatto che i valori occidentali siano sotto pressione nel nuovo braccio di ferro geopolitico è visto dal 68% come una minaccia dei valori della Svizzera.

Fra i rischi interni, gli intervistati citano in primo luogo il calo dell'impegno volontario (79%) e l'incapacità dei politici di trovare soluzioni praticabili ai problemi (78%).

La guerra provoca una catena di preoccupazioni

Due anni di pandemia e più di mezzo anno di guerra in Ucraina hanno cambiato l'Europa e la visione della Svizzera sull'Unione europea. Il 32% degli elettori ritiene che gli eventi degli ultimi dodici mesi abbiano rafforzato l'UE.

La guerra in Ucraina è descritta direttamente come una preoccupazione solo dal 20% della popolazione (all'ottavo posto). Ma almeno altre tre preoccupazioni possono essere collegate a questa guerra.

La preoccupazione per le questioni energetiche, ad esempio, è aumentata significativamente fino al 25% (con un incremento di 11 punti percentuali) e ora occupa il terzo posto. Per la prima volta, il 21% degli intervistati ha menzionato la sicurezza degli approvvigionamenti per quanto riguarda l'energia, i medicinali e il cibo (al settimo posto).

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?