Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Cile. L'intreccio tra le Ande e l'oceano

di Stefano Paolo Giussani

La presenza cilena all'esposizione universale è rappresentata dal grande poliedro con gli intrecci in legno sul braccio minore del decumano. La sospensione a palafitta alleggerisce l'effetto di monotonia lasciando aria al grande spazio conviviale al livello del suolo.

La poesia del Cile

L'accesso al padiglione superiore - praticamente al buio - è un po' cupo ma ha il merito di staccare dal trambusto di Expo per trasportare subito nelle sensazioni cilene. L'avanzamento della lunga rampa mobile è accompagnata dai versi di Raúl Zurita. Ascoltando "Dell'amor del Cile", il visitatore scorre in direzione dei cieli stellati sullo sfondo. Le immagini sono degli osservatori astronomici del deserto di Atacama e anticipano di poco le gigantografie della sala che mostra la biodiversità del paese sudamericano. Seguono una sala multimediale che mostra filmati e time lapse su uno schermo avvolgente.

Dai campi al mondo

Il percorso di visita termina con una tavola interattiva che illustra come i prodotti alimentari cileni arrivino in tutto il mondo. La rampa esterna riporta al livello del ristorante bar e del negozio dove molto dello spazio disponibile è dedicato alla varietà degli ottimi vini cileni. Ai tavoli, personaggi in legno a grandezza naturale tengono compagnia ai commensali come silenziose presenze scolpite dagli alberi che hanno raccolto i venti oceanici.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×