Navigation

Siria, confermato l'attacco chimico

I risultati delle autopsie di 3 vittime dell'attacco di martedì a Idlib, morte dopo il ricovero in Turchia, provano l'uso di armi chimiche nel raid. Lo ha dichiarato il ministro della Giustizia turco, Bekir Bozdag. Agli esami effettuati nella provincia meridionale di Adana hanno partecipato su invito di Ankara anche esperti dell'Organizzazione mondiale della sanità.

Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2017 - 19:18
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Durante le autopsie, che sono state filmate, sono stati prelevati diversi campioni per ulteriori esami da parte degli esperti turchi e internazionali. Secondo un rapporto preliminare del team di scienziati inviati da Ankara alla frontiera con la Siria per assistere i feriti, almeno uno degli agenti usati nell'attacco sarebbe gas cloro. I risultati, frutto di test effettuati su una trentina di feriti, sono già stati inviati al Consiglio di sicurezza dell'Onu.

Carla del Ponte, membro della commissione d'inchiesta ONU sulla Siria

Contenuto esterno


Putin: inaccettabile accusare qualcuno senza indagini

"E' inaccettabile accusare qualcuno" per il presunto attacco chimico nella regione siriana di Idlib in cui sono morte diverse decine di persone "finché non viene condotta una indagine internazionale completa e imparziale": lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin in una conversazione telefonica con il premier israeliano Benyamin Netanyahu.

Trump pronto all'attacco unilaterale

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta considerando la possibilità di un'azione militare in Siria, come rappresaglia per l'attacco con armi chimiche. Lo ha detto lo stesso presidente a membri del Congresso. Stando alle stesse fonti citate dalla Cnn, il presidente Trump non ha ancora preso una decisione a riguardo ma si sta consultando e l'opzione adesso sarebbe sul tavolo.

Risoluzione ONU

La bozza di risoluzione sulla Siria elaborata in Consiglio di Sicurezza Onu da Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna, è stata messa "in blu", ossia secondo l'usanza delle Nazioni Unite verrà votata entro le ventiquattr'ore. Il voto potrebbe avvenire già entro oggi, giovedì, e al testo non sono stati apportati cambiamenti. È atteso il veto della Russia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.