Navigation

Altan, quasi mezzo secolo di satira italiana

Cipputi, l'operaio più famoso della satira italiana. RSI-SWI

Eclettico, anticonformista, implacabile: Francesco Tullio Altan firma da quasi mezzo secolo vignette di feroce satira politica e sociale, alcune delle quali rimaste indimenticabili. È suo il personaggio dell’operaio Cipputi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 luglio 2022 - 13:00
tvsvizzera.it/mrj

È una delle firme italiane satiriche per eccellenza: Francesco Tullio Altan si occupa, tramite le sue vignette di politica italiana da quasi mezzo secolo. Mezzo secolo nel corso del quale è cambiato poco, dice. “Purtroppo la realtà italiana non si evolve con la velocità che i tempi moderni richiedono”, spiega ai microfoni della Radiotelevisione della Svizzera italiana RSI. Talmente lenta che, dice, ci sono vignette che ha disegnato 30-40 anni fa che sono ancora d’attualità.

Una situazione talmente confusa, aggiunge, che “non si capisce quali sono i veri punti da mettere a fuoco”. La sua satira, dice, è più ampia dei singoli individui: “Credo poco alla satira aggressiva contro i personaggi. Non è nel mio temperamento”. Quello che lo interessa, in fondo, non sono gli eletti, ma gli elettori, coloro che con il loro voto hanno scelto i personaggi che si ritrovano poi sulla scena politica. Con alcune eccezioni come per esempio Berlusconi, prima e Salvini in tempi recenti: “Personaggi che sono talmente ingombranti che uno non può fare a meno di occuparsene”.

Contenuto esterno

È suo il personaggio di Cipputi, operaio metalmeccanico di sinistra ormai rassegnato per colpa della politica italiana. “È un personaggio che sicuramente io una volta ho visto a Milano per strada o in un tram”. Era l’operaio della metà degli anni Settanta, un periodo in cui la classe operaia finiva tutti i giorni sulle pagine dei giornali. Nei primi anni dalla sua apparizione, spiega Altan, molte persone si sono riconosciute nel personaggio, sia fisicamente che ideologicamente.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?