Navigation

Alla COP15 di Montreal è stato compiuto "un passo importante per la biodiversità"

Attualmente il 17% delle terre e l'8% dei mari sono protette. Questa proporzione dovrebbe salire al 30% nel 2030. Nell'immagine, un ippopotamo in una palude nel nord-ovest dell'Uganda. Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

L'accordo raggiunto alla 15esima conferenza dell'ONU sulla biodiversità, che si è conclusa lunedì a Montréal, è accolto con soddisfazione dal responsabile della delegazione svizzera Franz Perrez. Su alcuni punti, la Confederazione avrebbe però auspicato obiettivi più ambiziosi.

Questo contenuto è stato pubblicato il 19 dicembre 2022 - 16:22
tvsvizzera.it/mar con Keystone-ATS

L'aspetto più importante dell'intesa siglata nella città canadese dai rappresentanti di oltre 190 Stati è che fissa obiettivi molto concreti, in particolare quello di proteggere entro il 2030 il 30% della superficie terrestre e marittima mondiale, ha rilevato Franz Perrez, intervistato dall'agenzia Keystone-ATS.

Si tratta di "un passo importante per la biodiversità", ha sottolineato il responsabile della delegazione svizzera. Perrez spera ora che l'intesa "dia un impulso al maggior numero possibile di Paesi affinché adattino le proprie strategie".

Per la Confederazione, su alcuni punti precisi la conferenza di Montréal (COP15) avrebbe potuto però spingersi più in là, in particolare per quanto concerne la riduzione dei pesticidi o l'impegno finanziario degli Stati. A tal proposito, a Montréal i Paesi più ricchi si sono impegnati a versare 30 miliardi annui entro il 2030 per aiutare quelli in via di sviluppo a proteggere la biodiversità.

Contenuto esterno

Le organizzazioni ambientaliste svizzere sono da parte loro un po' più critiche. La sezione svizzera del WWF è sostanzialmente soddisfatta, ma critica la mancanza di meccanismi vincolanti in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi.

Greenpeace Svizzera deplora invece il fatto che la questione di come verranno raggiunti gli obiettivi resti aperta. Per Birdlife Svizzera, l'accordo è un passo nella giusta direzione, ma non fermerà la perdita di biodiversità. Pro Natura ritiene che non sia stato possibile invertire la tendenza a favore della natura.

"Patto di pace con la natura"

Per raggiungere l'accordo sono stati necessari quattro anni di negoziati, dieci giorni di conferenza e un'intera notte di maratona diplomatica.

Questo "patto di pace con la natura", come lo ha definito il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres, mira a proteggere la terra, gli oceani e le specie dall'inquinamento, dal degrado e dalla crisi climatica.

La misura faro è come detto la creazione di aree protette sul 30% della superficie del pianeta (oggi sono pari 17% delle terre e all'8% dei mari). Il provvedimento è stato paragonato a quello sul clima preso alla conferenza di Parigi nel 2015 per limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.

Il testo prevede anche garanzie per le popolazioni indigene, custodi dell'80% della biodiversità residua della Terra. Propone di ripristinare il 30% dei terreni degradati e di dimezzare il rischio derivante dai pesticidi.

30 miliardi entro il 2030

Nel tentativo di risolvere la scottante questione finanziaria tra Nord e Sud, la Cina propone anche di raggiungere "almeno 20 miliardi di dollari" di aiuti internazionali annuali per la biodiversità entro il 2025 e "almeno 30 miliardi entro il 2030", una somma tre volte più elevata rispetto ad oggi.

"La maggior parte delle persone dice che è meglio di quanto ci si potesse aspettare; e questo da entrambe le parti, sia per i Paesi ricchi che per quelli in via di sviluppo. È indubbiamente il segno che è un buon testo", ha dichiarato il ministro dell'ambiente del Gabon Lee White.

Questo testo è "un significativo passo avanti nella lotta per la protezione della vita sulla Terra, ma non sarà sufficiente", ha invece osservato Bert Wander, dell'organizzazione non governativa Avaaz. "I Governi dovrebbero ascoltare ciò che dice la scienza e aumentare rapidamente le loro ambizioni di proteggere metà della Terra entro il 2030", ha aggiunto.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?