Navigation

#USIEXPO2015, nutrire l'anima del pianeta

Il padiglione svizzero alanews

"Solo un presente abitabile aprirà la strada ad un futuro intelligente" LIVE dalle 17.30

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 settembre 2015 - 19:30

Il contributo dell'università della Svizzera italiana ad Expo, culmina con una tavola rotonda al Padiglione svizzero.

L'evento punta a dare un contributo importante alla riflessione proposta da EXPO (Nutrire il pianeta, energia per la vita), favorendo lo scambio di idee anche all'interno della stessa università. Con una convinzione: solo un presente abitabile aprirà la strada ad un futuro intelligente.

La tavola rotonda, moderata dal direttore della RSI Maurizio Canetta e conta sulla partecipazione di Mario Botta, Antonio Lanzavecchia, Lorenzo Cantoni, Antonietta Mira, Mauro Pezzè e Carlo Ossola e propone una riflessione sugli strumenti che l'architettura, la biomedicina, la comunicazione, l'economia dei "big data", l'informatica e le lettere possono mettere in campo per individuare soluzioni innovative ai problemi e alle contraddizioni del nostro tempo.

Contenuto esterno

Il tentativo è quello di cogliere nell'immaginario offerto dal tema della nutrizione la chiave per riflettere sul significato della civiltà e sul nostro futuro, discutendo in ottica interdisciplinare su tre direttive: la quotidianità rivoluzionata, il nuovo patrimonio offerto dai "big data", il cibo come parametro della comunità.

Per estendere la discussione oltre gli spazi del Padiglione svizzero (la sala è al completo) il dibattito viene trasmesso in diretta streaming sul nostro sito e commentato sui social media. Hashtag: #USIEXPO2015.

Di seguito i trailer registrati dai partecipanti in vista dell'evento.

Contenuto esterno
Contenuto esterno
Contenuto esterno
Contenuto esterno
Contenuto esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.