Navigation

Valichi secondari chiusi solo quando serve

Il valico di Novazzano Marcetto in un'immagine d'archivio. Keystone

Il governo svizzero ha disposto venerdì che i valichi di frontiera secondari tra Ticino e Italia rimangano sempre aperti. Il progetto pilota di chiusura notturna, messo in atto nel 2017 su mozione della consigliera nazionale Roberta Pantani, non sarà esteso.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 giugno 2018 - 20:30
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (Quotidiano del 15.06.2018)

Il Consiglio federale, nel rendere notoLink esterno la decisione, ha precisato però che i posti di confine saranno muniti di barriere, così da poter essere chiusi in caso di necessità, ad esempio se sono in corso ricerche da parte della polizia.

Ai conducenti sarà inoltre segnalato che i transiti sono monitorati attraverso telecamere. Si tratta, insomma, di un compromesso tra la chiusura e l'apertura pure e semplici.

Poco impatto sul crimine, molto sulle relazioni

In una nota dell'Amministrazione federale delle doganeLink esterno AFD, l'esecutivo fa risalire questa scelta al fatto che gli sbarramenti notturni tra aprile 2017 e il settembre scorso abbiano avuto un debole impatto sul tasso di criminalità transfrontaliera.

Contenuto esterno

Il governo non omette di precisare che all'origine della decisione vi sono anche ragioni politiche: da colloqui con l'Italia, è "emerso che una chiusura notturna potrebbe ripercuotersi negativamente sulla buona collaborazione nell’ambito della sicurezza dei confini e della migrazione".

Nell'aprile 2017, la fase pilota aveva portato alla convocazione d'urgenza da parte del Ministero degli esteri italiano dell'ambasciatore svizzero a Roma Giancarlo Kessler.

Contenuto esterno

Il rivisto accordo in materia di polizia con Roma, secondo il governo, permette oggi una migliore collaborazione transfrontaliera. 

L’effettivo in Ticino del Corpo delle guardie di confineLink esterno è stato peraltro aumentato e la Centrale cantonale di allarme a Bellinzona consente una più stretta collaborazione tra polizia cantonale e Cgcf, per garantire la sicurezza del confine.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.