Navigation

Bologna, la strage impunita

34 anni fa, il 2 agosto 1980, un ordigno scoppiava nella stazione di Bologna causando 85 morti e 200 feriti. Ancora oggi si cercano i mandanti

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 agosto 2014 - 16:15

Il 2 agosto 1980, alle 10 e 25, una bomba - contenuta in una valigia abbandonata nella sala d'aspetto di seconda classe dell'ala est della stazione di Bologna - scoppiò causando 85 morti e 200 feriti. Una strage frutto di uno degli atti terroristici piu gravi del dopo guerra italiano. La Cassazione condannò nel 1995 Giuseppe Valerio Fioravanti e Francesco Mambro all'ergastolo. I due si sono però sempre dichiarati innocenti. Ancora oggi però non sono conoscono complici e soprattutto i mandanti della strage. E ancora oggi, durante la manifestazione a Bologna, il sindaco della città ha chiesto che venga fatta giustizia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.