Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Nega di aver ucciso la maestra

Ammette solo l’occultamento del cadavere il cognato di Nadia Arcudi, la 35enne di Stabio ritrovata morta domenica a Rodero

L'unico indiziato per la morte di Nadia Arcudi è il cognato della vittima. La notizia del fermo è stata data mercoledì mattina nel corso di una conferenza congiunta di polizia cantonale ticinese e carabinieri di Como (puoi rivedere il video qui Link esterno). L'uomo, 42 anni, accusato di omicidio intenzionale e occultamento di cadavere, ha ammesso parzialmente i fatti, ossia solo l'occultamento.

Ha nascosto il corpo per non ferire i familiari

Il collaboratore informatico alla SUPSI avrebbe affermato di aver trovato la maestra 35enne morta in casa (venerdì pomeriggio), dove viveva con la madre, e di aver poi trasportato il corpo senza vita della donna a Rodero, per non ferire i familiari. Dopo, secondo nostre informazioni, si sarebbe presentato a una cena con i parenti, moglie e suocera, in un ristorante oltreconfine. Lunedì poi si sarebbe recato in Sicilia per un funerale. Al suo rientro, i suoi spostamenti erano tenuti sotto controllo dai carabinieri, è stato fermato. Quando è stato arrestato avrebbe con sé effetti personali della vittima. Non si conosce ancora il movente del delitto.

Il mistero dell'email

Ad incastrare l'informatico sarebbe stata soprattutto un'email a nome di Nadia Arcudi, inviata dopo il delitto ai familiari per giustificare la sua assenza.

CSI/Quotidiano-AlesS

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×