Da Locarno al clan Messina-Denaro

Giovanni Domenico Scimonelli

Giovanni Domenico Scimonelli

(polizia di Stato)

E' nato in Ticino uno degli 11 fiancheggiatori del boss latitante da 23 anni. Gli inquirenti italiani cercano soldi in Svizzera

Ha pure dei risvolti in Svizzera l'inchiesta che lunedì ha permesso arrestareLink esterno, tra Palermo e Trapani, 11 presunti fiancheggiatori del boss latitante Matteo Messina Denaro. Tra le persone finite in manette figura anche Giovanni Domenico "Mimmo" Scimonelli, nato a Locarno l'8 agosto del 1967, 48 anni fa: è accusato di essere uno dei fedelissimi della primula rossa, quello che è considerato il vero capo della mafia siciliana.

Messina Denaro è latitante da 23 anni ed è l'ultimo rappresentante della "Cosa Nostra" dei Corleonesi, quella dei Totò Riina e Bernardo Provenzano che fu la mandante delle stragi siciliane e dell'uccisione di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. Scimonelli è indicato dagli inquirenti italiani quale "un uomo d'onore della famiglia mafiosa di PartannaLink esterno", ci conferma martedì Maria Cristina Fatuzzo, portavoce del questore di Palermo. E attualmente, aggiunge, "sono in corso verifiche di natura finanziaria presso alcuni istituti di credito svizzeri, dove si ritiene plausibile che alcuni indagati possano aver distratto somme di denaro finalizzate al sostentamento economico" di Messina Denaro.

"Mimmo", che il Mattino di Sicilia oggi definisce un "rampante imprenditore", è proprietario di due supermercati Despar nel trapanese. "Dopo le riunioni clandestine cambiava abito e volava nel Nord Italia, a Milano, o nella natia Svizzera, dove si dedicava a coltivare business e guadagni", svela il Corriere della Sera. Altre informazioni sulla pista svizzera, per ora, "sono coperte dal segreto istruttorio", ci dice infine Maria Cristina Fatuzzo.

Joe Pieracci

Messina-Denaro come potrebbe essere e com'è era

Messina-Denaro come potrebbe essere e com'è era

(ansa)

LE INTERCETTAZIONI / VIDEOLink esterno

×