Marijuana Svizzera orientale, l'Eldorado delle piantagioni illegali di canapa?


Il fenomeno delle coltivazioni illegali di canapa indoor nella Svizzera orientale è finito sotto i riflettori in seguito alla sparatoria avvenuta martedì nel Canton Appenzello, quando due agenti della polizia sono rimasti feriti mentre si apprestavano ad effettuare una perquisizione in casa dello sparatore, dove sospettavano si trovasse una piantagione di marijuana. Uno dei poliziotti è ancora in condizioni critiche.

Questo tipo di attività è aumentato molto negli ultimi anni, specialmente tra il 2013 e il 2014, ha spiegato alla Radiotelevisione svizzera Eugen Rentsch, responsabile dell’antidroga della polizia del Canton San Gallo. Se nel 2013 le piantagioni scoperte nel cantone sono state 18, l’anno successivo questa cifra è quadruplicata, per poi scendere a 52 e 50 negli ultimi due anni.

Il mercato dell’“erba” con un alto contenuto del principio attivo THC è molto redditizio e con una piantagione di 1'000 piantine si può guadagnare con tre raccolti annuali mezzo milione di franchi. Ma dove c’è guadagno illegale, nasce anche la violenza. Sempre più organizzazioni criminali straniere si infiltrano nel mercato.

"Quello che notiamo è che più le organizzazioni sono professionali più crescono i guadagni. E così il mercato diventa più duro e aumenta anche la brutalità. Da quando le piantagioni vengono gestite da gang, la violenza viene usata con più frequenza, i gruppi si proteggono e se si pianifica un furto allora la ferocia contro gli altri diventa più grande", precisa Rentsch.

"Lavorare tranquilli"

Ma perché nella Svizzera orientale? Sono due i fattori principali. I cantoni di Turgovia, San Gallo e Appenzello sono vicini alla frontiera con Germania e Austria e questo è un fattore di crescita per il settore. Ma secondo Rentsch ad attirare verso queste regioni è il fatto che siano piuttosto discoste e i coltivatori pensano di poter lavorare tranquilli.

Per arginare l’espansione del fenomeno ed evitare che la Svizzera orientale diventi l’Eldorado della canapa illegale, le polizie cantonali stanno mettendo in atto diverse operazioni congiunte. 

Cosa dice la legge?

La legislazione svizzera vieta la coltivazione, il consumo e il commercio di Cannabis con un tenore di THC superiore all’1%. Oltre questa percentuale la canapa è considerata uno stupefacente e un suo eventuale impiego sottostà a un’autorizzazione speciale.

Nel 2008, l’elettorato svizzero ha respinto (al 63%) un’iniziativa per la depenalizzazione della canapa. Nella stessa votazione ha però accettato la nuova Legge federale sugli stupefacentiexternal link, che introduce un impiego controllato e limitato della canapa a fini medici (prima lo era solo per scopi di ricerca).

tvsvizzera.it/ZZ con RSI (TG del 04.01.2017)

×