Navigation

Winterthur, centro dell'islam radicale

Il luogo di culto islamico della città del canrton Zurigo sarebbe il centro svizzero più radicale e vicino all'Isis. Allontanato intanto l'Imam

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 ottobre 2016 - 19:53

Sabato il responsabile dei servizi segreti svizzeri ha confermato che sono 77 le persone partite dalla Svizzera per combattere nelle milizie dello stato islamico. Ebbene, molte di queste frequentavano la moschea di Winterthur, vista da più parti come un luogo di radicalizzazione. Secondo la SonntagsZeitung, tuttavia, il luogo di culto ha ora allontanato l'Imam Shaikh Wail, ufficialmente per motivi finanziari.

Secondo le testimonianze di collaboratori e frequentatori del luogo di culto, la radicalizzazione alla moschea di Winterthur avveniva invitando giovani credenti a un colloquio personale con l'Imam. Un incontro durante il quale avveniva un vero e proprio lavaggio del cervello. Molte fonti citate dalla Sonntagszeitung parlano poi di un sostegno finanziario da parte dello Stato Islamico.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.