Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Virginia Raggi si impone a Roma



Virginia Raggi

Virginia Raggi

(keystone)

La candidata M5S vince il primo turno delle amministrative; a Milano testa a testa Sala-Parisi  – Si va al ballottaggio in tutte le grandi città

"È un momento storico, i romani stanno lanciando un messaggio: sono pronti a voltare pagina. Il vento sta cambiando". A parlare, con la voce sicura di sé, seppur tradita da un filo di emozione, è Virginia Raggi, arrivata in testa al primo turno delle elezioni amministrative a Roma. Con un 35,3% di preferenze (i risultati non sono ancora definitivi, mancano poche sezioni, ma ormai i giochi sono praticamente chiusi), la candidata del Movimento 5 Stelle ha prevalso suoi principali avversari, primo fra tutti Roberto Giachetti, del Partito Democratico, arrivato secondo, ma fermo al 24,9%.

"È solo il primo tempo" ha però aggiunto Raggi davanti ai sostenitori e ai numerosi giornalisti (almeno 150 accreditati, moltissimi internazionali). Raggi infatti sfiderà l'esponente piddì al ballottaggio domenica 19 giugno.



Roberto Giachetti

Roberto Giachetti

(keystone)

Non ce l'ha fatta invece a superare lo scoglio della prima tornata elettorale la candidata di destra Giorgia Meloni, ferma al 20,6%. Lontani gli altri: Alfio Marchini (candidato di Silvio Berlusconi) ha racimolato poco meno dell'11% dei voti, seguito da Stefano Fassina (sinistra), fermo al 4,5%.

Milano: testa a testa Sala-Parisi

Quello per il Campidoglio era forse l'appuntamento più atteso (Roma è reduce dallo scandalo Mafia Capitale, dalla decadenza del sindaco Ignazio Marino e dal successivo commissariamento), ma soprese le hanno riservate pure le urne a Milano: dato in vantaggio dagli exit poll, Giuseppe "Beppe" Sala (PD) si ritrova invece testa a testa con il candidato di centrodestra Stefano Parisi, rispettivamente con il 41,7% e il 40,8% dei voti. Anche qui la sfida è più aperta che mai e toccherà aspettare il secondo turno per sapere se, dopo la giunta Pisapia, la capitale economica d'Italia rimarrà in mano al centrosinistra o se passerà allo schieramento opposto. Esclusi dai giochi: Gianluca Corrado (M5S, 10,06%) e Basilio Vincenzo Rizzo (sinistra, 3,56%).



Stefano Parisi (s) e Beppe Sala (d)

Stefano Parisi (s) e Beppe Sala (d)

(keystone)

Napoli, verso De Magistris-bis

Non c'è partita invece a Napoli, dove il sindaco uscente Luigi De Magistris (Italia dei valori) è saldamente in testa con il 42,7% dei suffragi. Non avendo superato il 50%, dovrà però anche lui sottostare ad una secondo esame elettorale, sfidando il candidato di Forza Italia Giovanni "Gianni" Lettieri, fermo al 24%. Tagliato fuori il Partito Democratico; la candidata Valeria Valente si è fermata al 21,29%.



Luigi De Magistris

Luigi De Magistris

(keystone)

Torino e Bologna: centrosinistra in testa

Nel capoluogo piemontese è per ora in testa Piero Fassino (PD), con il 41,8% dei voti. Il sindaco di Torino uscente dovrà però vedersela al ballottaggio con la pentastellata Chiara Appennino, che si attesta al 30,9% delle preferenze.

Con il suo 39,46%, a Bologna invece Virginio Merola (Partito Democratico) distanzia di oltre 17 punti percentuali la candidata di centrodestra (appoggiata dalla Lega, FI, Fratelli d'Italia e da due liste civiche) Lucia Borgonzi (22,3%).

Ballottaggio d'obbligo, dunque, in tutte le grandi città. Molto bassa, infine, l'affluenza alle urne: secondo i dati del Viminale poco più di un italiano su due (il 62,14% per l'esattezza) si è recato ai seggi, nonostante questi siano rimasti aperti fino alle 23.00 di domenica.

ludoC

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×