Navigation

La siccità colpisce anche la Svizzera

A causa della perdurante siccità, i cantoni di Lucerna, Zugo, Svitto, Nidvaldo, Obvaldo, Uri e Sciaffusa hanno emesso mercoledì un divieto di accendere fuochi nei boschi o nelle loro vicinanze.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 luglio 2018 - 18:27
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Nei cantoni della Svizzera centrale barbecue e materiale pirotecnico sono consentiti unicamente a una distanza minima di 200 metri dalle foreste. A Sciaffusa il divieto dei fuochi d'artificio vale nelle vicinanze dei boschi e in tutte le aree non edificate.  

La situazione di pericolo potrebbe svanire solo dopo un'intensa fase di pioggia di due giorni, comunicano i Cantoni, mentre brevi temporali non sarebbero sufficienti. 

Il divieto di fuochi nei boschi e nelle zone adiacenti è già stato emesso da Grigioni, Turgovia e San Gallo. Vige addirittura la proibizione assoluta in Ticino, nelle valli meridionali dei Grigioni e in Vallese.

Le autorità di quest'ultimo Cantone hanno oggi deciso di mantenere il veto: i privati non potranno dunque festeggiare la Festa nazionale del Primo agosto con fuochi artificiali, mentre un'eccezione è concessa alle amministrazioni comunali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.