Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Viareggio, una strage in cerca di verità

In dicembre arriva la prescrizione al processo per l’incidente ferroviario del giugno 2009 in cui morirono 32 persone. In aula c'è anche un po' di Svizzera

Potrebbe essere una vera beffa quella che si sta consumando in questi mesi per i familiari delle vittime della strage ferroviaria di Viareggio. A dicembre, infatti, si prescriveranno due delle accuse del processo per i 42 imputati, 33 persone fisiche e 9 società. Il Codice penale italiano stabilisce che il reato può essere estinto una volta decorso un periodo di tempo non inferiore ai sei anni, questo solo per alcuni tipi di delitti. In parole semplici, pare incredibile ma è così, tra qualche mese non potranno più essere contestate le accuse di incendio e lesioni colpose. "Se non è stato l'incendio ad uccidere i nostri cari, se non potremmo contestare questo in aula, cosa li ha uccisi"? Questo è il ragionamento dei parenti delle 32 vittime di quel 29 giugno 2009. Un ragionamento ovvio che si avverte entrando nella Casina dei ricordi posta accanto alla stazione ferroviaria, alla fine di quel quartiere che non c'è più. Una piccola baita in legno con fotografie, manifesti, rosari, bandiere, foto ricordo, messaggi di persone da tutto il mondo. Un luogo dove è stata scolpita la comune memoria di quella notte.

Una di 32 storie

Le vittime saranno 32. Alcune sono morte sul colpo, sorprese nei propri letti dal fuoco. Altri moriranno giorni, mesi dopo, tra indicibili sofferenze. Storie diverse con un solo epilogo, uomini, donne, bambini di diverse nazionalità, non solo italiani. Tra le vittime ci sono due figli e la moglie di Marco Piagentini . Anche lui porta sul suo corpo i segni di quella notte ed oggi presiede l'associazione "Il mondo che Vorrei", con lo scopo di "riunire" le forze dei familiari rimasti per il processo da parte del Tribunale di Lucca e per far conoscere quanto accaduto. Perché non si ripeta più, come ha ricordato in questi anni Daniela Rombi, madre di Emanuela Menichetti morta dopo oltre un mese di agonia, e donna simbolo di questa battaglia a Viareggio.

"Non si poteva fare come in Svizzera"?

Oggi, 6 aprile, è giorno di udienza, l'ennesima. I parenti arrivano al polo fieristico, dove il Tribunale di Lucca celebra il processo, convinti che questa strage ha bisogno della sua verità. Che una legge, ancorché dello Stato che dovrebbe tutelare proprio i defunti e le vittime, non possa "cancellare" un delitto o un reato. Non chiedono vendetta, loro, ma giustizia, prima che il passare del tempo possa "estinguere" altri reati in un processo che, ad oggi, fatica a trovare dei colpevoli.

Simone della Ripa

altre notizie sul portale della RSILink esterno

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

Neuer Inhalt

Facebook Like-Box

×