Navigation

Tra suicidio assistito, eutanasia e cure palliative

In Svizzera due articoli del codice penale regolano l'aiuto al suicidio (permesso) e l'eutanasia (vietata). Il legislatore ha discusso per 20 anni ma non ha voluto andare oltre, malgrado processi e divergenze pure tra i medici.

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 febbraio 2020 - 09:56
Stefano Pongan, RSI News
Gli accompagnamenti alla morte sono in continuo aumento. Keystone / Alessandro Della Bella

Il mosaico di norme europeo, per il professor Alberto Bondolfi, contribuisce al turismo della morteLink esterno (vedi il caso di DJ FaboLink esterno). La Confederazione per regolare il suicidio assistito si limita a due articoli del Codice penaleLink esterno:

Art. 114: Chiunque, per motivi onorevoli, segnatamente per pietà, cagiona la morte di una persona a sua seria e insistente richiesta, è punito con una pena detentiva sino a tre anni o con una pena pecuniaria.

Art. 115: Chiunque per motivi egoistici istiga alcuno al suicidio o gli presta aiuto è punito, se il suicidio è stato consumato o tentato, con una pena detentiva sino a cinque anni o con una pena pecuniaria.

End of insertion

E dove il diritto non arriva sono le organizzazioni attive in questo ambito a doversi autoregolare.

Come ExitLink esterno, con cui 905 persone in Svizzera (19 in Ticino) hanno scelto di andarsene nel 2018. Erano malati terminali o la cui qualità di vita era condizionata in modo per loro insopportabile: 213 erano iscritti da meno di 3 mesi, ma oltre la metà (492) da più di 3 anni.

Contenuto esterno


Ecco l'intervista al professor Alberto Bondolfi che parla di suicidio assistito, eutanasia e la legislazione ridotta all'ossa in Svizzera:

Contenuto esterno


Cure palliative

Sceglie il suicidio assistito invece solo una minima parte (3 nel 2018) dei pazienti di HospiceLink esterno, uno dei servizi di cure palliative a domicilio del cantone, che assiste oltre 400 malati con diagnosi terminali, garantendo loro dignità e qualità di vita nell'ultima fase. In cure palliative "c'è sempre qualcosa che si può fare", ricorda Lorenza Ferrari. Guardate l'intervista a Lorenza Ferrari per saperne di più sulle cure palliative:

Contenuto esterno


Per saperne di più:

Suicidio assistito, eutanasia passiva, eutanasia attiva: le differenzeLink esterno

Le raccomandazioni della Commissione etica per la medicina umana datate 2006Link esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.