Navigation

Un caso sospetto di variante Omicron in Svizzera

Analisi in corso sul primo caso sospetto di Omicron. © Keystone / Gaetan Bally

Come era stato ampiamente pronosticato dagli esperti anche in Svizzera si è presentato il primo caso sospetto di variante Omicron del virus Sars-cov2. Nel pomeriggio gli esperti della Confederazione comunicheranno i dettagli su questa notizia.

Questo contenuto è stato pubblicato il 29 novembre 2021 - 13:06
tvsvizzera.it/spal con Keystone-ATS

Nello scarno dispaccio diffuso dall'agenzia Keystone-Ats viene riferito che un possibile contagio del nuovo ceppo è stato segnalato su un individuo tornato dal Sudafrica circa una settimana fa. La conferma, ha fatto sapere l'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), la si avrà solo dall'esito del sequenziamento del dna del coronavirus che giungerà tra alcuni giorni.

Contenuto esterno

Le misure di Berna

Intanto le autorità federali, analogamente a quanto fatto da altri paesi, stanno inasprendo le condizioni di entrata nella Confederazione. Berna ha infatti aggiunto quattro paesi - Angola, Australia, Danimarca e Zambia  - ai 15 per i quali vige la quarantena obbligatoria di 10 giorni.

Oltre all'isolamento i viaggiator provenienti da questi Stati devono esibire dalla scorsa mezzanotte il risultato di un test negativo. Inoltre è stata decisa la sospensione di tutti i voli diretti dal Sudafrica e il divieto di ingresso, ad eccezione dei cittadini svizzeri e dei residenti, per i viaggiatori provenienti da Botswana, eSwatini, Hong Kong, Israele, Lesotho, Mozambico, Namibia, Zimbabwe e Sudafrica.

Contenuto esterno

Da parte sua l'Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha lanciato l'allarme sull'evoluzione della pandemia determinata dalla nuova variante: 'La probabilità di una potenziale ulteriore diffusione di Omicron a livello globale è elevata", indica in una nota l'agenzia ONU, e "potrebbero esserci future ondate di Covid-19, che potrebbero avere gravi conseguenze a seconda di una serie di fattori, incluso il luogo in cui possono verificarsi le ondate". Il rischio globale complessivo relativo alla nuova VOC (Variant of Concern) Omicron, aggiunge l'Oms, "viene valutato come molto elevato".

Scienziati prudenti

Sull'effettiva pericolosità di Omicron però gli esperti rimangono prudenti. La dottoressa Angelique Coetzee, la presidente dell'ordine dei medici del Sudafrica, scopritrice della variante, ritiene infatti "eccessivo" e "spropositato" l'allarme sull'ultima variante. "I pazienti che ho visto avevano sintomi lievi e sono guariti, nessuno è stato ricoverato e non c'è stato bisogno dell'ossigeno", ha dichiarato la dottoressa Coetzee. E per l'epidemiologo sudafricano Salim Abdool Karim, l'efficacia dei vaccini attuali contro il ricovero e la malattia grave "è destinata a rimanere forte".

Ma la stessa Oms, per bocca della direttrice del dipartimento della gestione dei rischi epidemici Sylvie Briand, ha precisato che "non necessariamente" maggior contagiosità equivale a una pericolosità superiore: "la maggior parte delle persone fragili sono vaccinate in Europa - ha spiegato - sulle curve epidemiologiche vediamo benissimo che anche se ci sono molti casi, la curva dei decessi e dei ricoveri resta molto più bassa di quanto avevamo visto nell'ondata del 2020.

Il fatto che sia stata lanciata un'allerta ha lo scopo di incentivare gli sforzi degli esperti in tutto il mondo per avere più informazioni su questa variante. "Sappiamo soltanto che ha molte mutazioni e questo ci fa temere che ne scaturisca una minore efficacia dei vaccini, è per questo che bisogna vedere il suo impatto sulle popolazioni che vengono infettate e poi fare degli studi per sapere se gli strumenti che abbiamo, come i vaccini, mantengono l'efficacia".

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?