Navigation

I repubblicani litigano sulla riforma sanitaria

Un nuovo nulla di fatto sul fronte della Sanità per il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Altri due senatori repubblicani hanno dichiarato la loro opposizione al nuovo testo proposto al Senato nel tentativo di revocare Obamacare.

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 luglio 2017 - 11:43
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Con soli 52 senatori repubblicani su 100, il tentativo guidato dal leader della maggioranza repubblicana al Senato Mitch McConnell non ha possibilità di proseguire.

Il senatore Mike Lee dello Utah e il senatore Jerry Moran del Kansas hanno annunciato che si sarebbero opposti al disegno di legge per revocare Obamacare così come stilato dal leader McConnell nella sua nuova versione presentata lo scorso giovedì e vanno ad aggiungersi ai colleghi Susan Collins del Maine e Rand Paul del Kentucky, che avevano da subito preannunciato il loro 'No', lasciando: mancano così almeno due voti ai repubblicani approvare il testo e riavviare quindi l'iter.

Altri senatori potrebbero seguire i "disobbedienti". E nel partito repubblicano si rischia il tutti contro tutti.

In reazione all'annuncio il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha twittato esortando a revocare Obamacare per poi "ricominciare da zero". Quindi ha affermato: "I democratici seguiranno!".




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.