Navigation

Tremila sesterzi romani rinvenuti sopra Locarno

Importante scoperta archeologica in un cantiere di Orselina

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 dicembre 2014 - 21:00

Oltre tremila monete romane, sesterzi in bronzo risalenti al secondo e il terzo secolo dopo Cristo, sono state rinvenute durante gli interventi di scavo in un cantiere a Orselina, località sopra Locarno. Si tratta della più importante scoperta di questo genere in Ticino, in una zona peraltro povera di vestigia antiche. Pochi chilometri più in basso, sulle rive del Verbano, era nota la presenza di un agglomerato urbano a Muralto che nell'Antichità costituiva un importante centro di collegamento dei traffici tra il Lago Maggiore e il Nord delle Alpi, ma nulla di analogo era noto nel piccolo comune di Orselina. Il piccolo tesoro si trovava all'interno di un'anfora, occultata probabilmente da un ricco romano in un posto ritenuto sicuro, di cui si è persa la memoria per quasi due millenni. O forse bisognerà riscrivere la storia antica dell'alto Verbano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.