Navigation

Nuovo stadio della Roma, un rompicapo politico per la Raggi

L’ippodromo di Tor di Valle, dove potrebbe sorgere il nuovo stadio della Roma che sostituirebbe l’Olimpico, è un grande rompicapo politico per la sindaca della capitale italiana Virginia Raggi, che dovrà decidere a breve se approvarne o meno la costruzione. Il reportage della Radiotelevisione svizzera.  

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 febbraio 2017 - 20:30

 

Contenuto esterno

Stadio, negozi uffici, un parco e tre grattacieli. Una colata di cemento da 1,7 miliardi di euro, pagati da privati che farebbe arrabbiare i militanti “grillini” più puri. Un progetto che crea qualche dubbio alla giunta di Virginia Raggi che teme speculazione e corruzione e vuole che venga ridimensionato.

Dall’altra parte però, dietro a Francesco Totti che su Twitter scrive “Famostostadio”, ci sono i molti tifosi giallorossi che sono anche elettori e non ascoltarli potrebbe costare caro.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.