Navigation

Timbuctu, una prima che fa storia

La Corte penale internazionale dell’ Aja chiama a rispondere di atti criminali di guerra coloro che hanno distrutto mausolei nell'antica città del Mali, patrimonio Unesco

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 agosto 2016 - 16:19

Responsabile di avere distrutto dei mausolei durante l'occupazione di Timbuctu da parte di Al Quaida, nel luglio del 2012, un jihadista - per la prima volta nella storia - è chiamato a risponderne davanti ad una corte penale internazionale, quella dell' Aja, che considera tali atti dei crimini di guerra.

Ahmad Al Faqi Al Mahdi si è dichiarato colpevole, in cambio della promessa dell'accusa di chiedere una pena mite. Ma non tutti sono d'accordo con un processo che si concentra solo sui monumenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.