Navigation

Maxi sequestro di cocaina alla dogana, due fermi

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 24 aprile 2019 - 17:22
tvsvizzera/spal con RSI (Quotidiano del 24.4.2019)

Le guardie di confine svizzere hanno sequestrato 19 chili di cocaina nascosti in un’auto in transito verso l’Italia al valico doganale di San Pietro di Stabio/Clivio tra Ticino e Lombardia.

I funzionari federali hanno fermato poco dopo le 5 del mattino di martedì il veicolo immatricolato in Germania, a bordo del quale si trovavano due cittadini albanesi.

Dopo un’approfondita ispezione gli agenti, grazie anche all’utilizzo di un’unità cinofila, hanno individuato un ricettacolo in un doppio fondo dell’abitacolo all’interno del quale erano state collocate 17 confezioni di sostanza stupefacente.

I due arrestati, un 33enne residente nel Varesotto e una 22enne, sono indagati per infrazione grave alla Legge federale sugli stupefacenti (l’inchiesta è coordinata dalla procuratrice ticinese Marisa Alfier).

L'indagine dovrà stabilire eventuali contatti dei corrieri con organizzazioni internazionali dello spaccio, in particolare in Italia dove presumibilmente l’ingente quantitativo di cocaina avrebbe dovuto essere venduto fruttando cifre milionarie sul mercato della droga.    

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.