Navigation

Terremoto, 40mila sfollati

Il giorno dopo la devastante scossa, il numero di chi ha lasciato casa appare in tutta la sua drammaticità. Una migrazione epocale e la Protezione civile lavora senza sosta

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2016 - 12:47

Nella notte, nel Centro Italia, ci sono state nuove scosse. La più forte di tutte, attorno alle 2 e mezza, è stata di magnitudo 4.2. Non si sono registrate vittime, ma crolli e danni ingenti in oltre 100 comuni. La priorità, ora, ha detto poco fa il premier Matteo Renzi, è di restituire un po' di tranquillità alle popolazioni colpite e alle decine di migliaia di sfollati.

E gli sfollati sono moltissimi, almeno 40mila, 25mila nelle Marche, 15mila in Umbria, 2mila nel Lazio, mille in Abruzzo. Chi negli alberghi della costa, chi assistito nei propri comuni, chi dorme in automobile per paura di restare sotto un tetto. E quelli già sfollati dopo i terremoti precedenti.

Il giorno dopo la devastante scossa, il numero di chi ha lasciato casa appare in tutta la sua drammaticità. Una migrazione epocale, qualcuno la definisce. E la Protezione civile lavora senza sosta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.