Navigation

Ricette al telefono per cucinare con poco

Zurigo, metà anni '40. RSI-SWI

L'azienda del gas di Zurigo, negli anni '40, forniva quotidianamente ai cittadini delle ricette di cucina. Un servizio non puramente gastronomico: ingredienti e pietanze erano studiati per far fronte al razionamento dei viveri e dei combustibili, come spiega questo filmato d'epoca custodito dalla Teche della Radiotelevisione svizzera RSI.

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 luglio 2019 - 15:00
tvsvizzera.it/ri con RSI (Teche)

Registrate su nastro, si potevano ascoltare componendo un numero telefonico, come l'ora esatta. I menu erano ogni giorno due, per dare un'alternativa più o meno frugale, ma nel complesso aiutavano a preparare pasti variati e nutrienti contenendo le spese, anche di cottura.

Un servizio mai visto prima d'allora in Europa, riferisce il cinegiornale, che fu accolto con entusiasmo.

Il contesto

Durante la seconda guerra mondiale, oltre al razionamentoLink esterno e alla sorveglianza dei prezzi nonché dell'operato di grossisti e dettaglianti, in Svizzera fu varato un piano per garantire a ogni cittadino 2000 calorie al giorno anche in assenza di importazioni.

Il Piano Wahlen contribuì a garantire 2000 calorie al giorno a ogni svizzero per 4, 5 anni. RSI-SWI

Noto come Piano WahlenLink esterno -dal cognome del futuro consigliere federale Friedrich, che lo elaborò- comportò in primis l'estensione delle superfici coltivate e l'aumento della produttività agricola non solo con bonifiche e conversione di prati e terreni in campi, ma anche attraverso una riduzione del bestiame, data la vitale importanza di patate, legumi e pane integrale, rispetto alle non necessarie proteine animali.

L'autosufficienza rimase un obiettivo irrealizzabile ma il piano, riporta il Dizionario storico della Svizzera, coinvolgendo l'intera popolazione favorì in maniera duratura la coesione sociale.

Contenuto esterno

Non conosciamo l'anno esatto del filmato -che fu realizzato dal Servizio cinematografico dell'esercito- ma potrebbe risalire anche all'immediato dopoguerra: il razionamento fu abolito gradualmente tra il 1945 e il '48.

A scovarlo e riproporlo alla Radiotelevisione svizzera RSILink esterno fu la trasmissione 'Mi ritorna in mente' del 16 marzo 2001.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.