Navigation

Swiss adotta il linguaggio inclusivo

“Signore e signori, benvenuti a bordo del volo…”: questo saluto farà presto parte del passato sui voli di Swiss. La compagnia aerea intende infatti introdurre una forma di saluto neutra che includa tutti: donne, uomini e persone non binarie (che non si ritengono, cioè, né uomo né donna).

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 luglio 2021 - 09:00
tvsvizzera.it/mrj
Contenuto esterno

“La diversità non va garantita solo su carta, ma va anche vissuta. Vogliamo che tutti i nostri collaboratori e passeggeri si sentano rappresentati”: a dirlo è la portavoce di Swiss International Airlines Karin Müller.

Una strategia di marketing, secondo il linguista  e docente di Teoria dei linguaggi all’Università di Milano Stefano Vessere, che però offre un’immagine della compagnia più rispettosa, ma non basta: “Non sono i cambiamenti linguistici che cambiano la mentalità, ma piuttosto il contrario. Anche se poi in effetti queste buone pratiche possono modificare il linguaggio e renderlo più rispettoso”.

Per cambiare mentalità, però, “ci vuole ben altro”, prosegue Vessere: “Per esempio la promozione del linguaggio rispettoso di tutti i generi nelle istituzioni e nelle aziende pubbliche”.

Una discussione, quella sul linguaggio inclusivo, che accende spesso animati dibattiti, che - in particolare sui social media – vanno velocemente “sopra le righe”.

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.