Navigation

Da Losanna all'Isis senza ritorno

Donna con bambino nel campo Roj nel nord della Siria dove sono internati familiari di ex combattenti del Califfato. Keystone

Viveva a Losanna e un giorno è partita per la Siria per unirsi ai combattenti dell'isis. Ora vorrebbe tornare nella Confederazione ma per lei le porte sono chiuse.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 giugno 2019 - 08:45
Roberto Antonini, Rete Due della RSI

Ha una trentina d'anni, è losannese, l’abbiamo chiamata Hayaam perché non vuole che si sappia il suo vero nome. Con la bimba di due anni è rinchiusa nel campo di detenzione di Roj, nel nord della Siria, non lontano dalla frontiera irachena.

Contenuto esterno


Hayaam è andata con il marito a Raqqa nel 2015 per raggiungere le file di Daesh, l’Isis. Accetta di parlarci davanti a un microfono ma non a una telecamera, per raccontarci la sua storia e quello che presenta come il suo pentimento sincero. Dice di non essersi resa conto all’inizio della vera identità dell’Isis e che né lei né suo marito (che è in prigione con altri “foreign fighters” ) hanno mai combattuto.

La testimonianza che vi proponiamo è quella di un delle tante giovani radicalizzate in Occidente che hanno deciso di andare a vivere nel cosiddetto Califfato, e che ora si ritrovano senza un futuro.

Partecipa alla discussione!

I contributi devono rispettare le nostre condizioni di utilizzazione.
Ordina per

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?

Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

Scoprite ogni settimana i nostri servizi più interessanti.

Iscrivitevi ora per ricevere gratuitamente i nostri migliori articoli nella vostra casella di posta elettronica.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.