Navigation

Svizzera e Italia fanno il punto sui trasporti

Doris Leuthard ha incontrato a Roma i ministri dei trasporti Delrio e dello sviluppo economico Guidi; sul tavolo Alptransit e la Stabio-Arcisate

Questo contenuto è stato pubblicato il 24 settembre 2015 - 20:29

La consigliera federale Doris Leuthard -capo Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni- ha incontrato giovedì a Roma la ministra italiana dello Sviluppo economico Federica Guidi e il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio.

Un colloquio, quest'ultimo, per fare il punto sulle tante collaborazioni tra Svizzera e Italia nel campo dei trasporti. L'occasione per portare a casa una promessa sul completamento della Ferrovia Mendrisio-Varese, ancora in costruzione tra Stabio e Arcisate.

Secondo quanto riferisce il consigliere di Stato ticinese Claudio Zali -direttore del Dipartimento del territorio, che accompagnava Doris Leuthard- Delrio ha ammesso che il cantiere non è ancora decollato a pieno regime, ma conta che ciò avvenga a breve termine e i lavori possano essere conclusi nel termine previsto del 2017.

I ministri si sono pure aggiornati su come l'Italia si collegherà alla nuova trasversale ferroviaria alpina Alptransit. I lavori sulla tratta di Luino, finanziati dalla Confederazione, inizieranno nel 2016. Gli interventi sulla Chiasso-Milano, per 40 milioni di euro, saranno pagati dall'Italia.

Si è pure discusso delle ricadute economiche dell'apertura di Alptransit: "Vogliamo rinforzare il lavoro tra Svizzera e Ticino e il nord Italia", ha spiegato Doris Leuthard, perché adesso si deve informare anche le imprese".

A Graziano Delrio è stato consegnato un biglietto omaggio per l'inaugurazione della galleria di base del San Gottardo nel giugno del 2016.

Il prossimo incontro è previsto a Lugano, dove si firmerà un accordo sul riconoscimento reciproco delle patenti di guida e dei certificati di capacità dei conducenti professionisti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.