Navigation

René Magritte se ne andava 50 anni fa

Il 15 agosto del 1967 moriva a Bruxelles il pittore surrealista René Magritte. Per questa ricorrenza un po' ovunque nel paese sono previste mostre ed eventi. Personaggio schivo, si definiva un pittore mediocre. Forse nello stile. Non certo nei contenuti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 agosto 2017 - 08:57
tvsvizzera.it/fra con RSI
Contenuto esterno


Dopo un approccio al futurismo e al cubismo, René Magritte si è imposto sulla scena della pittura mondiale come surrealista. La sue tele non cercano di interpretare il reale: "Per me - raccontava Magritte, si tratta di dare qualche cosa a cui pensare".

Personaggio schivo e "normale" ha vissuto la maggior parte della sua vita in Belgio. Sposato a Georgette conosciuta quando il pittore aveva 15 anni e sua compagna di tutta la vita, Magritte è stato uno dei protagonisti delle avanguardie artistiche del novecento. Ma è nel dopo guerra che il suo linguaggio pittorico si impone e così Magritte diventa una delle figure centrali dell'arte figurativa.

Il Belgio, sua terra natia, ora gli dedica eventi e mostre. Ma per esporre tutte le sue opere ci vorrebbe più di un museo: perché la fantasia vulcanica di  Magritte ha prodotto oltre mille quadri. Gli sarebbe bastato anche meno per essere ricordato come un pilastro dell'arte del Novecento. O per colui che ha cambiato il modo di concepire la pittura. 




Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.