Navigation

Frontalieri, invasione o speculazione politica?

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 24 marzo 2017 - 19:19
tvsvizzera/spal con RSI (Quotidiano del 24.3.2017)

La grande maggioranza dei ticinesi sovrastima il numero dei frontalieri attivi professionalmente nel cantone.

A dirlo è l’ultima indagine condotta dall’Istituto di ricerche economiche (IRE) dell’Università della Svizzera italiana destinato a suscitare polemiche come quello precedente, che in estrema sintesi contestava il cosiddetto effetto sostituzione di lavoratori indigeni con manodopera straniera non residente.

Dall’inchiesta condotta su un campione di quattromila persone risulta che in sostanza i ticinesi tendono a sovrastimare, nella misura del 77 per cento, il numero di frontalieri presenti sul territorio cantonale. Ma lo studio dice anche altro.

Il divario tra la percezione del fenomeno e la realtà del mercato del lavoro risulterebbe condizionata sensibilmente soprattutto dall’inclinazione politica e dal tipo di media consultati, oltre ovviamente che dall’esperienza personale, come nel caso di disoccupati.

Detto altrimenti l’istituto diretto da Rico Maggi ritiene che partiti come UDC e Lega dei ticinesi e gli organi di informazione ad essi vicini, che martellano costantemente sulla presunta invasione di manodopera dall’estero a discapito dei lavoratori residenti, contribuiscono in modo determinante ad influenzare l’opinione pubblica ticinese. Ma ovviamente non tutti sono d’accordo su questa tesi e la discussione sul nuovo lavoro dell’IRE è già iniziata.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.