Navigation

Gli anticorpi al Covid-19 resistono almeno dieci mesi

Nel comune di Vo' (Vo' Euganeo) tutti gli abitanti sono stati testati a più riprese nel corso dei mesi, consentendo studi approfonditi. Copyright 2021 The Associated Press. All Rights Reserved

Gli anticorpi al Covid-19 resistono almeno dieci mesi, e chi si era infettato durante la prima ondata ed è entrato in contatto con persone ammalate nella seconda ondata non si è (ri)ammalato, a prescindere dal livello di anticorpi. È quanto riferisce Andrea Crisanti, microbiologo dell'Università di Padova intervistato dalla Radiotelevisione svizzera RSI a proposito del suo studio approfondito su Vo' Euganeo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 marzo 2021 - 09:20

Nel comune veneto, da quando è apparso il coronavirus, tutti gli abitanti sono stati testati a più riprese nel corso di mesi. "Quel che si può dire è che la maggior parte delle persone che si sono infettate e sono guarite, a prescindere da che avessero sintomi o no, dopo dieci mesi erano protette", esordisce Crisanti.

I risultati dello studio possono essere utili per orientare la prosecuzione della lotta alla pandemia, ad esempio per stabilire delle priorità nella campagna vaccinale dacché le dosi non sono moltissime, ma anche per programmare i richiami.

Crisanti non manca di sottolineare che resteranno necessari sia un controllo della mobilità sia gli aiuti ai Paesi con poche risorse economiche e strutture logistiche primitive, affinché anch'essi possano vaccinare. Bisogna in altre parole scongiurare l'apparizione di nuove varianti resistenti al vaccino, che costringerebbero a ripartire da zero.

Contenuto esterno

L'intervista del corrispondente RSI da Roma ad Andrea Crisanti.

Proposta di lettura. "Più lasciamo che il virus circoli, più rischiamo che la prossima mutazione sia una cattiva notizia": intervista a Emma HodcroftLink esterno, epidemiologa genomica all'Istituto di medicina sociale e preventiva di Berna.

End of insertion


Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 30.03.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.