Navigation

Un angolo di Italia a Delémont

Il Museo di arte e storia di Delémont dove è allestita fino al 28 marzo la mostra Cara Italia. wikipedia.fr

Il lavoro di maturità di due studentesse diventa una mostra multimediale sull'immigrazione dal Belpaese.

Questo contenuto è stato pubblicato il 04 marzo 2021 - 09:17
tvsvizzera/spal con RSI (TG del 3.3.2021)

Un ferro da stiro e un paiolo da polenta portati in Svizzera da immigrati italiani in anni ormai lontani sono ora esposti al Museo di arte e storia del Giura.

“Io non conoscevo niente sull'Italia prima di allestire questa mostra", dice candidamente una delle due liceali, che tradisce il suo amore per il Belpaese.

Gli oggetti raccolti tra otto famiglie di origine italiana nel cantone francofono sono integrati con i video dei racconti dei figli e dei nipoti dei protagonisti di questa vicenda storica, che sono stati girati dalle due ragazze, Axalia Vollmer e Laetitia Brugnerotto. La mostra Cara Italia a Delémont resta aperta fino al 28 marzo.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.