Navigation

Svizzera, aumenta la disparità salariale tra uomini e donne

La lotta contro la disparità salariale non sembra aver portato molti frutti. Nel 2016, secondo le cifre fornite dall'Ufficio federale di statistica (Ust) le donne nel settore privato hanno guadagnato il 19,6% in meno degli uomini. È un risultato peggiore di quello del 2014 quando la differenza era del 19,5%.

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 gennaio 2019 - 20:56
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 31.01.2019)
Travail.Suisse si dice preoccupato dall'aumento della "discriminazione salariale" e chiede siano introdotte nuove misure per contrastarlo. tvsvizzera


Un ulteriore fattore preoccupante è l'aumento della percentuale di queste disparità che resta inspiegabile (vedi riquadro): 42,9% nel 2016, contro il 39,1% nel 2014 e il 40,9% nel 2012, precisa l'Ufficio federale di statisticaLink esterno (Ust). Ciò rappresentava in media 657 franchi al mese nel 2016 e 585 franchi nel 2014.

Disparità inspegabile

Una parte della disparità salariale tra i sessi è dovuta a fattori strutturali legati al contempo al profilo della persona (età, formazione, anni di servizio), alle caratteristiche del posto occupato in azienda e al settore di attività. L’altra parte della differenza salariale tra donne e uomini resta invece inspiegabile.

Fonte: Ust

End of insertion

Questa differenza inspiegabile varia considerevolmente a seconda dei settori economici. Nel settore alberghiero e della ristorazione si raggiungeva l'80,3% per una differenza di 327 franchi al mese in media. Nel commercio al dettaglio era del 65,4% (702 franchi al mese), nell'industria metalmeccanica 52,5% (964 franchi al mese)  e 30,6% nelle attività finanziarie e assicurative (1'297 franchi al mese).

+Quali sono le professioni meglio e peggio retribuite in Svizzera? Un piccolo giro d'orizzonti

+Seimila franchi di salario in Svizzera sono davvero tanti?

Un po' meglio nel settore pubblico

La situazione era leggermente migliore nel settore pubblico, dove la parte inspiegabile della differenza salariale tra i sessi nel 2016 era del 34,8% (522 franchi al mese), contro 41,7% nel 2014 e 38,8% nel 2012. C'è stato un miglioramento "perché i controlli sistematici della parità salariale effettuati producono finalmente i loro effetti", sottolinea Travail.SuisseLink esterno in una nota.

Contenuto esterno

​​​​​​​

Il sindacato si dice preoccupato dall'aumento della "discriminazione salariale" e ritiene che sia indispensabile adottare nuove misure per cambiare le abitudini delle aziende. L'Unione sindacale svizzera (Uss) chiede un intervento analogo e giudica l'attuale situazione "scandalosa".

Contenuto esterno


Più disparità inspiegabili nelle piccole imprese

La legge impone alle aziende con più di 50 dipendenti di verificare i loro salari. Malgrado ciò, secondo i dati dell'Ust, è nelle piccole imprese che la quota inspiegabile delle differenze salariali risulta essere più significativa. Si tratta in media del 60,9% nelle imprese con meno di 20 posti di lavoro, rispetto al 27,4% in quelle con oltre 1'000 posti di lavoro.

Le donne sono confrontate anche a una ripartizione non omogenea a seconda delle classi salariali. Nel 2016 quasi due posti di lavoro su tre retribuiti con meno di 4'000 franchi lordi al mese per un lavoro a tempo pieno erano per esempio occupati da donne. In cima alla piramide salariale, dove gli stipendi superano gli 8'000 franchi lordi al mese, il 71,8% degli impieghi era invece in mano agli uomini e solo il 28,2% alle donne.


Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.