Navigation

Statale 36, tutti i cavalcavia sotto esame

La macchina rimasta schiacciata dal crollo del viadotto ad Annone Brianza ANSA

Dopo il crollo ad Annone Brianza, i controlli saranno estesi agli altri viadotti; la tratta dell'incidente potrebbe riaprire entro stanotte

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2016 - 15:07

"Controlleremo tutti i cavalcavia della statale 36, perché è fondamentale capire le problematiche che potrebbero presentare anche altri viadotti costruiti con gli stessi materiali di quello crollato venerdì ad Annone BrianzaLink esterno", ha dichiarato al Corriere della Sera Antonio Chiappani, procuratore capo di Lecco.

I viadotti sulla Milano-Lecco sono 25 (al netto di quello crollato) "e non sappiamo a quando risalgano o quali interventi di ristrutturazione abbiano subito", ha aggiunto Chiappani.

Per quanto concerne invece i detriti rimasti sul luogo del crollo il procuratore ha spiegato che la trave di cemento deve essere sezionata e che i lavori di sgombero vanno effettuati passo per passo in modo da ricavare dati precisi che permettano di fare chiarezza e di procedere con le perizie. Lavori lenti, che cozzano però con la necessità di riaprire la strada il più presto possibile: "Il traffico è congestionato da venerdì, lo sappiamo, ma dobbiamo procedere con attenzione", ha concluso Chiappani. La riapertura potrebbe avvenire però entro la notte.

ANSA/CaL

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.