Navigation

Speleologo alessandrino disperso nel Luganese

Il sub italiano si era immerso con due amici nella sorgente Bossi, in territorio di Arogno

Questo contenuto è stato pubblicato il 09 gennaio 2016 - 20:10

Uno speleologo subacqueo è dato per disperso nelle grotte di Arogno, alla sorgente Bossi. Il 39enne, della provincia di Alessandria, si era immerso con due amici, un altro italiano e uno svizzero anch'essi esperti subacquei e secondo le prime frammentarie informazioni avrebbe avuto un malore.

I compagni sono quindi tornati in superficie e hanno dato l'allarme intorno alle 3 del pomeriggio. Quando però sono di nuovo rientrati nel cunicolo dell'ultimo avvistamento non hanno più trovato il collega. Sono subito scattate le ricerche con l'ausilio della polizia lacuale e del Soccorso speleologico svizzero.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.